Galliani preoccupato: «Qui rischia di saltare il sistema»

Galliani
© foto Adriano Galliani, ad del Monza

Adriano Galliani si pronuncia con preoccupazione riguardo alla possibilità di riprendere il campionato nei prossimi mesi

Adriano Galliani ha chiarito la sua posizione riguardo al futuro del calcio italiano in conseguenza alla pandemia Coronavirus: «Se non si porta a termine esplode tutto il meccanismo. Il Governo deciderà se si riprende tra 15 giorni, o 2-3 mesi, ma se ci fermiamo il calcio italiano salta per aria. Non voglio ricominciare domani, se la comunità scientifica mi dice 2 mesi, ricomincio tra due mesi. Strano che questa cosa l’hanno capita tutti, ma non la Lega di A».

SULLA POSIZIONE DI LOTITO – «E’ corretta da un punto di vista istituzionale, ma il calcio è uno sport di contatto fisico. Nelle fabbriche si sta lontani con le mascherine. Sui calci d’angolo come facciamo? In allenamento? E’ impossibile. Io vedo una stagione che si concluderà in autunno senza pubblico, quasi per tutto l’anno. Il calcio a porte chiuse è terribile, ma consente alle società di non fallire».