DS, Tare si allontana: il Milan si guarda intorno

Tare
© foto www.imagephotoagency.it

DS, molto probabilmente non sarà Tare a ricoprire quel ruolo al Milan, il dirgente sta per firmare il rinnovo, convinto da Lotito

DS, non è finita, Tare si allontana, un progetto che difficilmente si concretizzerà, proprio perché il direttore biancoceleste sembra ormai vicinissimo al rinnovo con la Lazio, come espressamente voluto da Lotito. Il presidente è rimasto sempre attento, nelle ultime ore ha deciso di blindarlo con una proposta contrattuale molto allettante: prolungamento fino al 2023 e aumento di stipendio. Una mossa che serve a spegnere le voci ed a frenare le velleità rossonere sul dirigente albanese, per la gioia di Inzaghi.

IL MILAN SI GUARDA INTORNO- Riapre così la corsa rossonera al nuovo DS: secondo quanto riportato Gazzetta dello Sport, Maldini ora dovrà trovare un’altra idea convincente ed i nomi ovviamente non mancano. Si continua a parlare di Giovanni Sartori dell’Atalanta, o di Carlo Osti della Sampdoria. Rispunta anche la pista che porta a Frederic Massara, ormai ex direttore sportivo della Roma che dopo tanta gavetta alle spalle di Sabatini sembra pronto per guidare un progetto tecnico con maggiore autonomia.

SEMBRAVA FATTA- Tare nei giorni scorsi aveva fatto intendere che da buon professionista qual è, non gli sarebbe dispiaciuto provare un’esperienza come quella del Milan, club tra i più titolati al mondo. In questo Lotito è stato bravo, del resto la sua partenza avrebbe sicuramente creato un caso soprattutto con Inzaghi che dopo aver firmato il rinnovo ha pronunciato anche la parola scudetto senza nessuna paura.