Diego Lòpez

© foto www.imagephotoagency.it

Nome: Diego
Cognome: Lòpez Rodrìguez
Luogo e data di nascita: Paradela, 03 Novembre 1981
Altezza: 196 cm
Peso: 87 kg
Ruolo: Portiere
Squadra di appartenenza: A.C. Milan
Stato contrattuale: Scadenza 30 Giugno 2018
Costo del cartellino: 6,5 milioni di euro
Carriera: Dopo aver trascorso parte delle giovanili nel Lugo, esordisce in prima squadra nella stagione 1999/2000. Nonostante due sole apparizioni in Segunda Division, viene notato dagli osservatori del Real Madrid che lo prelevano a titolo gratuito. Ed è proprio nella capitale spagnola che si sviluppa il potenziale di uno dei portieri più forti in circolazione. Dal 2000 al 2005, si afferma per due stagioni come titolare della squadra C, successivamente diventa il numero 1 del Real Madrid Castilla. Arrivato in prima squadra, dopo due anni a fare la riserva di Casillas, decide di dare una svolta alla sua carriera trasferendosi al Villareal dove dal 2007 al 2012 collezionerà 171 presenze e 218 reti subite. Ma a causa della brutta stagione de “El submarino amarillo” con conseguente retrocessione, viene venduto per 3.5 milioni di euro al Sevilla dove sarà solo di passaggio. Infatti il 25 Gennaio 2013, il portiere di Paradela, torna fra le merengues alla corte di Josè Mourinho per sostituire l’infortunato Casillas. Ma con l’arrivo di Carlo Ancelotti arriva la svolta. L’allenatore italiano,infatti, lo consacra come portiere titolare della squadra nella Liga, lasciandolo riposare durante le partite di Champions League. Infine, nell’estate del 2014, si trasferisce a parametro zero all’A.C. Milan grazie all’amicizia che intercorre fra l’ad Galliani ed il presidente Florentino Pérez.
Caratteristiche: E’ un portiere che predilige la difesa a 4, non è un grande comunicatore ma riesce sempre a farsi rispettare. Spesso freddo, non subisce il peso delle partite, caratteristica che gli permette di trasmettere serenità ai compagni. Attualmente fra i migliori tre nel suo ruolo.
Voto complessivo del giocatore: 17/20

Articolo precedente
Michelangelo Albertazzi
Prossimo articolo
Galliani punta Lisandro Magallán, il nuovo Samuel