Continua l’epurazione di Elliott: via due dirigenti legati a Fassone

© foto www.imagephotoagency.it

Si procede con l’attività di epurazione di Elliott dopo il subentro alla proprietà cinese: oltre a Fassone e Mirabelli altri due dirigenti sono stati cacciati dal Milan

Prosegue l’opera di ristrutturazione del fondo Elliott che ha iniziato la cacciata di diversi dirigenti legati alla gestione cinese. Dopo l’addio dell’ad Marco Fassone, che ha aperto un contenzioso con la proprietà americana, e il direttore sportivo Massimiliano Mirabelli, secondo quanto scritto questa mattina da il Corriere dello Sport son stati sospesi anche Valentina Montanari e Alessandro Sorbone, due figure molto vicine al vecchio A.d e la proprietà di Yonghong Li.

Montanari, entrata in società nel luglio 2017 con il ruolo di Chief Finanzial Officer, è la responsabile delle aree finanziaria-amministrativa. Alessandro Sorbone invece è stato nominato nel giugno 2017 Chief Operations Officer e si occupava di coordinare le aree di gestione e sviluppo infrastrutture, come ad esempio lo stadio, i centri sportivi e la sede Cas Milan, Security e Safety Human Resources, Acquisti e Logistica, Information Technology. Il fondo americano della famiglia Singer conta di sostituire questi ruoli con altre figure che ben presto entreranno nel club rossonero.

Articolo precedente
bacca milanMilan è tempo di cessioni: dopo Kalinic ora tocca a Bacca
Prossimo articolo
lotitoLotito: «Nessun club ha presentato un’offerta per Milinkovic-Savic»