Connettiti con noi

News

Conferenza Pioli: «Scamacca mi piace. Pensiamo solo alla Champions»

Pubblicato

su

Conferenza Pioli alla vigilia di Milan-Genoa: il tecnico presenta la sfida di domani alle 12:30 a San Siro. Le sue parole

Il tecnico del Milan, Stefano Pioli, presenta in conferenza la delicata sfida di domani alle 12:30 contro il Genoa:

GUARDA LA CONFERENZA DI PIOLI 

Pioli in conferenza

MANDZUKIC O LEAO – «Sicuramente sono molto contento che Mario stia bene, ha fatto una buonissima settimana di allenamento. Non ha i 90 minuti nelle gambe ma ci può dare presenza in area e si sa muovere molto bene. Rafa ci deve dare più profondità dando pochi punti di riferimento alla difesa avversaria».

IL GESTO DI MANDZUKIC – «Mario ha sofferto tantissimi il fatto di non essere a disposizione nei mesi scorsi, è arrivato con un grande entusiasmo e grande volontà. Sulle sue qualità morali e tecniche non ho mai avuto dubbi e il gesto che ha compiuto ha un grande valore. Ci aiuterà da qui alla fine. Credo sia un giocatore forte e un ragazzo con valori importanti, l’ha dimostrato per tutta la carriera. Chiaro che queste ultime partite saranno importanti anche per decidere il futuro di tutti noi».

PARTITE IN CASA – «Abbiamo valutato le nostre partite in casa, abbiamo affrontato diversi avversari con diversi atteggiamenti. Nell’ultimo quarto, negli ultimi 30 metri abbiamo fatto scelte sbagliate dobbiamo farlo con maggiore convinzione. Nell’ultima partita casalinga l’approccio è diverso, mi auguro che domani si possa partire con il piede giusto».

LEAO – «Sono assolutamente convinto della crescita di Leao. Alleno un giocatore molto migliorato rispetto all’anno scorso. Queste gare, quella di domani ma anche le prossime saranno un esame per tutti non solo per lui. Abbiamo un obiettivo da raggiungere, tutti siamo sotto esame. Dobbiamo essere preoccupati quando si affronta un esame perché è un atteggiamento che ti aiuta a concentrarti. Ho visto una squadra preoccupata e questo mi piace. Il fatto che sappia entrare subito bene in partita è molto importante ma credo che abbia fatto buonissime partite anche giocando dall’inizio così come anche gare incolore che fanno parte del suo percorso di crescita. Ancora non è arrivato al massimo ma credo che ci arriverà perché ha grande talento e sta mostrando grande disponibilità».

ALTRE CONCORRENTI – «Domani c’è Milan Genoa e noi abbiamo pensato e preparato solo la nostra gara e siamo concentrati su quello e dobbiamo interpretarla con grande attenzione per tutti i 95 minuti».

DONNARUMMA – «Io parlo costantemente con i miei giocatori, ad inizio settimana abbiamo parlato della scorsa partita e a metà di questa settimana alla prossima. Siamo concentrati solo sul campo. Sulle altre situazioni ho la fortuna di avere una società alle spalle molto attenta a tutte le soluzioni e prospettive, credo che Maldini abbia parlato chiaramente prima del match con il Parma. Vedo tutti molto concentrati, all’esterno si preferisce parlare di altro ma non qui a Milanello».

ARBITRI – «Noi dobbiamo concentrarci sulle situazione che possiamo determinare noi e l’abbiamo dimostrato. Non dobbiamo assolutamente perdere l’attenzione per altre cose. Arbitrare una gara di Serie A è difficilissimo, abbiamo una classe arbitrale di altissimo livello. Credevo che senza pubblico sarebbe stato più facile ma sentire sempre giocatori e allenatori parlare forse non aiuta».

KESSIE – «Facile dire che Franck è diventato un giocatore completo perché sa abbinare tutto all’interno della partita. Sia in costruzione che in fase difensiva è molto partecipe, è migliorato molto anche nella distribuzione del pallone e i suoi inserimenti sono sempre con i tempi giusti. Ha raggiunto un livello molto alto e potrà migliorare ampliando ancora di più le conoscenze e la qualità perché è un giocatore che deve sbagliare poco».

TOMORI – «Ho molto rispetto dei vostri quesiti ma vedo e sento che si parla troppo del futuro, è fondamentale la partita di domani e chiudere al meglio il campionato e raggiungere un obiettivo che il Milan non raggiunge da anni. Tomori sta facendo molto bene e ha delle caratteristiche uniche ma concentriamoci solo su domani».

IBRAHIMOVIC – «Con lui ho parlato della gara di Parma e della prossima partita, sta bene anche se purtroppo non ci sarà per via della squalifica. Per noi non ci sono distrazioni perché pensiamo sempre a preparare le gare secondo i nostri principi. Io vedo una squadra concentrata e sempre sul pezzo. Siamo a metà della salita, finché non vedi la tappa finale devi restare lì sul manubrio e pedalare ancora tanto».

GENOA – «Il Genoa è una squadra completa, non predilige un grosso possesso palla ma ha un centrocampo dinamico con un giocatore molto intelligente e che ho allenato come Badelj. E’ una squadra difficile da superare e la nostra prestazione deve essere di alto livello. Scamacca? Sicuramente è un giovane molto promettente con caratteristiche già delineate ma il Genoa ha più attaccanti forti e dovremmo stare attenti anche nella nostra fase difensiva».

MILLE TIFOSI – «Speriamo perché riavere avuto un gruppo in una parte di stagione faceva la differenza, la loro assenza l’abbiamo sentita. Spero che tornino presto perché abbiamo bisogno delle loro energie».