Sarri ha scelto Donnarumma: sarà Gigio il prossimo portiere del Chelsea

Donnarumma
© foto www.imagephotoagency.it

Maurizio Sarri avrebbe scelto il prossimo portiere del Chelsea: sarà Gigio Donnarumma, pronta un’offerta da 50/60 milioni

Secondo fonti provenienti dall’Inghilterra e raccolte in esclusiva per voi da Milan News 24, Maurizio Sarri, nuovo allenatore del Chelsea, starebbe valutando l’acquisto di Gigio Donnarumma in Blues. Alla base del cambio di portiere ci sarebbe l’ormai compromesso rapporto tra Courtois, ad un passo dal Real Madrid, e Roman Abramovich che avrebbe già promesso al proprio nuovo tecnico l’arrivo di un nuovo estremo difensore. Dopo un primo abboccamento per Allison, su cui però ora sembra aver acquisito la pole il Liverpool, sarebbe stato proprio l’ex tecnico del Napoli a suggerire il nome di Gigio Donnarumma che l’anno scorso con un riflesso strepitoso su Milik chiuse di fatto la corsa Scudetto ai partenopei guidati dallo stesso Sarri. Un gesto atletico e tecnico che sbalordì il tecnico toscano che con l’arrivo di Donnarumma amplierebbe anche la colonia italiana presente in blues che vede già Zappacosta e Jorginho.

Al momento il club londinese non avrebbe fatto giungere alcuna offerta negli uffici di Casa Milan ma la sensazione è che il Chelsea, obbligato ad acquisire un portiere in questa sessione di calciomercato, abbia già fatto la propria scelta decidendo di puntare circa 60 milioni di euro per l’acquisto di Gigio Donnarumma dal Milan. La cessione del proprio estremo difensore è, nonostante le frasi fatte pronunciate in conferenza stampa da Mirabelli, un passaggio obbligato e calcolato per il Milan che con Reina si è già assicurato una plusvalenza del 100% sostituendo Gigio di fatto a costo zero; inoltre i milioni provenienti dalla cessione di Donnarumma verranno quasi totalmente investiti per permettere ai rossoneri di puntare forte sul prossimo centravanti: Higuain su tutti.

Articolo precedente
leonardo milan inter difficoltàMilan, Gazidis e Leonardo per la nuova era Elliott
Prossimo articolo
Fassone è in Svizzera, domani la sentenza del Tas di Losanna