Calhanoglu: «Napoli, attento! Siamo in corsa e pronti a serate come quella della Juve»

Calhanoglu Piatek
© foto www.imagephotoagency.it

Calhanoglu pronto alla sfida di domenica sera, il periodo è favorevole e lui cerca di cavalcarlo nel miglior modo possibile

Calhanoglu, esterno d’attacco, mezz’ala o trequartista, in pochi hanno compreso il vero ruolo del giocatore di Gattuso, neo papà e reduce da un periodo complicato che ora si appresta a cancellare grazie proprio alla nascita della figlia. Il tedesco, naturalizzato turco, acquisto del mercato 17/18 targato Fassone-Mirabelli, ha da poco ricominciato ad acquisire credibilità sul campo, rivelandosi come uno dei giocatori più decisivi della squadra rossonera. Merito suo, certo, ma anche del mister che insiste nel concedergli spazio, alternandolo a volte con Castillejo«Il calcio è una questione di tempi. Ci sono alti e ci sono bassi. Io, per carattere, sono sempre focalizzato sul gruppo e non su me stesso. Comunque sono felice per come sono andate le ultime due ­tre settimane, la situazione è migliorata. in carriera ho sempre avuto ottimi rapporti con tutti i miei tecnici. Io all’allenatore do rispetto e lo ottengo a mia volta.

SU GATTUSO- «E poi vorrei precisare che Gattuso è così con tutti i giocatori, non solo con me. Il rapporto è bello con tutta la squadra. Lui è stato calciatore e sa di cosa hanno bisogno i suoi ragazzi. Parlare con l’allenatore e molto importante. Lui trasmette una grande energia positiva e mette i giocatori in condizione di rendere ad alto livello. Personalmente, mi ha aiutato anche nel privato».

SUL DERBY- Calhanoglu poi parla del Derby, particolare, che vedrà contrapposte due squadre in momenti assolutamente differenti, scanditi poche ore fa dall’eliminazione dell’Inter dall’Europa League. Calhanoglu appare sicuro e determinato nell’affrontare la questione, riguardante anche gli azzurri di Ancelotti: «Abbiamo grande rispetto per l’Inter, sappiamo che sarà durissima e che dovremo dare il 150%, ma noi siamo in grande forma. Ci sentiamo forti, ci sentiamo bene e stiamo facendo un ottimo percorso grazie ai grandi numeri di Piatek. Mi piacerebbe fare l’assist per il gol vittoria di Krzysztof. Lui e Paquetà sono entrati nel gruppo velocemente. Questa è una squadra molto unita, che si aiuta. Nella testa c’è sempre stata l’idea di avvicinarci. E il Napoli deve fare attenzione a non perdere altri punti. Siamo in piena corsa Champions e non siamo lontani da serate come quella della Juve dell’altra sera».