Caldara, Gattuso riflette attentamente sul suo impiego: c’è un’idea ben definita

Gattuso
© foto www.imagephotoagency.it

A pochi giorni dalla sfida di Cagliari, Gattuso riflette bene sulla possibilità di schierare o meno Caldara dal primo minuto

Molto probabilmente non arriverà a Cagliari il debutto per Mattia Caldara, secondo quanto riportato da la Gazzetta dello Sport, Gattuso potrebbe attendere ancora, prima di schierarlo al fianco di Romagnoli. Niente Cagliari quindi (con ogni probabilità), possibile impiego invece in Europa League, il prossimo giovedì 20 settembre, contro il Dudelange. Per il difensore, titolare con l’Italia sconfitta dal Portogallo, prosegue il periodo di adattamento, un percorso che lo porterà ad essere una certezza solo quando avrà assimilato i movimenti della difesa a quattro. Dunque pare essere questo il vero nodo da sciogliere, per far si che il ragazzo non commetta errori che possano danneggiarlo in maniera irreversibile.

Una questione in un certo senso già vissuta nella passata stagione con Bonucci, arrivato da una Juventus abituata alla difesa a 3 invece che a 4, situazione che per certi versi portò Montella ad optare per un 3-5-2 che poi si rivelò fallimentare. In realtà a quel tempo i problemi erano altri ma questa è un’altra storia. Difficile che Gattuso cambi modulo per favorire Caldara, molto più probabile che il giocatore si adatti alla difesa a 4, dopo un intenso periodo votato al nuovo modulo. Un’altra panchina? Nessun dramma, d’ora in avanti si giocherà praticamente ogni 3 giorni.

Intanto Mateo Musacchio si tiene stretto il posto da titolare insieme a Romagnoli, sta crescendo il centrale argentino, lo ha dimostrato nelle prime due gare di campionato, sicuramente farà di tutto per non perdere questa notevole occasione dopo un anno di “limbo” tra panchine e risultati scadenti. In attesa che Caldara sia pronto a partire dal primo minuto, sarà lui a proteggere la porta di Donnarumma. Dopo i 4 goal in due partite subiti contro Napoli e Roma bisognerà necessariamente chiudere a zero, cosa che ovviamente Caldara guarderà con molta attenzione per carpire movimenti e tatticismi utili a migliorarsi sempre di più.

Articolo precedente
Milan, tante risate ed un clima d’altri tempi: inaugurato il ristorante Bistrot Fourghetti
Prossimo articolo
NestaNesta, tra i ricordi e i rimpianti un futuro tutto da scrivere: ecco per chi tifa oggi