Calciomercato Milan, ora Piatek va servito: riparte la caccia all’esterno

Chiesa
© foto www.imagephotoagency.it

Piatek potrebbe non essere l’ultimo colpo del calciomercato milanista: ora Leonardo e Maldini puntano ad un esterno offensivo per gennaio

La doppietta siglata da Krzysztof Piatek ieri sera nel corso di Milan-Napoli ha rilanciato l’entusiasmo di tutto l’ambiente Milan che con ancora 48 ore di tempo per concludere il calciomercato invernale prova a muoversi in gran velocità per acquisire il nuovo esterno offensivo. Tramontata la pista Deulofeu, dichiarato incedibile dal Watford, restano in piedi però ancora alcuni profili accostabili ai rossoneri. Ecco quali:

Ferreira Carrasco: finito nelle ultime ore nel mirino dell’Inter, l’esterno offensivo belga guadagna 10 milioni l’anno in Cina e non avrebbe alcuna intenzione di abbassarsi le pretese per tornare in Europa. Al momento la squadra favorita resta l’Arsenal che gode anche del favore di giocatore e procuratore ma finché l’affare non sarà definito il Milan avrà qualche speranza.

Steven Bergwijn: attaccante esterno del Psv (classe ’97) è uno dei prospetti più interessanti del calcio olandese ma anche in questo caso sembra che un club di Premier League si sia mosso prima degli altri, il Manchester United. Come per Carrasco in Italia le due milanesi sono pronte a duellare per acquistarlo ma le richieste del Psv sono importanti: 30 milioni di euro.

Hirving Lozano: mattatore assoluto dell’Eredivisie, Lozano è forse il giocatore più maturato in questa stagione avendo fin qui totalizzato 17 gol e 9 assist in 29 partite. Anche in questo caso il Psv non fa sconti e chiede non meno di 40 milioni per il suo cartellino. In Italia il calciatore è richiesto anche dal Napoli ma il Milan può forse godere di un vantaggio: il procuratore Mino Raiola. L’agente Fifa ha infatti rinsaldato i rapporti con la dirigenza milanista dopo la dipartita di Massimiliano Mirabelli e nei giorni scorsi ci sarebbero stati alcuni contatti telefonici proprio tra il “Mino” nazionale e il ds brasiliano Leonardo.

Federico Chiesa: l’esterno offensivo italiano ha palesato alcune perplessità dopo il mancato “ritocco verso l’alto” da parte della Fiorentina al suo contratto. L’arrivo di Muriel inoltre potrebbe rappresentare un passo indietro a livello tattico per Chiesa che in estate potrebbe anche decidere di lasciare Firenze. Il Milan ha già manifestato interesse nei suoi confronti in passato ma è difficile che l’operazione possa chiudersi a gennaio.

Arnaut Groeneveld Danjuma: giovane, promettente ma infortunato. Groeneveld è uno dei prospetti più interessanti del calcio olandese avendo esordito (con gol) con la maglia degli orange a soli 20 anni. Attualmente al Bruges, la sua valutazione è di 15 milioni ma ha trascorso gli ultimi 3 mesi più in infermeria che sul manto erboso a causa di un problema alla caviglia.

Yacine Brahimi: Forse l’acquisto meno oneroso di tutto il mazzo, Brahimi infatti è in scadenza di contratto con il Porto ma su di lui prima del Milan si è mosso già l’Everton oltre che alcuni club di Bundesliga. Leonardo tuttavia tiene l’algerino come “last chance” qualora non dovesse riuscire ad accaparrarsi profili migliori ma occorre muoversi in fretta.