Calabria: «Giampaolo meticoloso, sono curioso di vedere Bennacer»

Davide Calabria
© foto www.imagephotoagency.it

Davide Calabria si è lasciato andare ad una lunga intervista per parlare di Giampaolo, del mercato e della prossima stagione

Davide Calabria, intervistato da Sky Sport, è tornato a parlare dell’infortunio che lo ha tenuto lontano dal campo per un po’ di tempo facendogli saltare anche l’Europe U21: «Ero un po’ triste, perché è avvenuto nella parte calda della stagione. Ho lavorato un anno per essere lì e non potevo giocare e dare il mio contributo. L’infortunio si è rivelato più grande del previsto, ho lottato per esserci agli Europei, ma non ci sono riuscito: sarebbe stato troppo rischioso».

Sul mercato: «Sono stato molto contento. Il mio procuratore ha avuto qualche offerta e ne ha parlato con il Milan, ma il club ha detto che facevo parte del progetto. Mi ha fatto molto piacere essere importante per la società è il mister, spero di ricambiare la fiducia».

Sulle motivazioni: «Sono molto in fiducia, me ne hanno trasmessa molta. Sono molto motivato, non vedo l’ora di iniziare. Sono convinto di avere ancora tanti margini di miglioramenti, quello del mister è un modo di giocare dispendioso per i terzini, ma può favorire la nostra crescita».

Su Giampaolo: «Me l’aspettavo così, c’era l’idea che fosse un maestro della tattica e del modo di giocare. Penso si sia visto: è solo un mese, ma nelle amichevoli pre-campionato siamo stati bravi a gestire le piccole situazioni. Il mister è maniaco nei dettagli, dobbiamo stare tutti attenti».

Su Gattuso: «Mi ha dato forza piscologica e mentale, mi ha sempre aiutato e fatto sentire importante. Mi ha aiutato a crescere, grazie al suo carattere e al suo non mollare mai».

Su Maldini: «Ho sempre detto che è il mio idolo, fa molto piacere lavorare insieme. E’ il nostro punto di riferimento, decide lui. Parlarci è una sensazione bellissima».

Sulla Nazionale: «Sicuramente è un obiettivo, ma adesso sono concentrato sul Milan. L’Italia è una conseguenza, il mister va le sue scelte e voglio fare benissimo al Milan per essere poi convocato».

Sul Milan: «È cambiato tanto in squadra e in società, siamo ancora più giovani. Il non andare in Europa League ci fa concentrare molto, l’obiettivo è la Champions, l’anno scorso ci è sfuggito per cinque minuti».

Sui nuovi acquisti: «Abbiamo fatto acquisti mirati, sono arrivati tanti giocatori che sono a disposizione. Sono felice, sono curioso di Bennacer, mi ha impressionato quando ci ho giocato contro. È motivato, ho visto le sue interviste».

Su Cutrone: «Mi manca, ovvio. Mi è dispiaciuto, ma fa parte del percorso di crescita. L’ho sentito ed è felice, sono sicuro che farà bene».