Borini, gol-liberazione: ora è un’arma in più per il Milan

© foto www.imagephotoagency.it

Dopo quasi sette mesi è arrivato il primo gol di Fabio Borini con la maglia del Milan: l’ex Liverpool e Sunderland ha riproposto la sua esultanza

Ieri il suo gol, a tempo quasi scaduto, è servito a rimpolpare il divario tra Milan e SPAL ma, oltre a ciò, ha avuto un altro scopo: il primo gol di Fabio Borini in maglia rossonera potrebbe aver sbloccato un giocatore che finora si è dimostrato duttile e a disposizione del mister Rino Gattuso, salvo però non riuscire a garantire quella continuità di prestazioni che ci si attendeva ad inizio stagione. L’ex esterno di Roma, Liverpool e Sunderland, qualche minuto fa su Instagram ha confermato come stesse aspettando quella rete-liberazione: «Vittoria, gol, tre punti, il lavoro duro paga sempre. Avanti così». Poche parole e voglia di mettersi a disposizione per cercare di aiutare la squadra nel centrare quell’obiettivo che, dati alla mano, resta difficile ma meno impossibile di quanto si possa pensare.

BORINI E L’ESULTANZA – L’esterno ha riproposto anche la sua consueta esultanza con la mano nei denti a mo’ di coltello. Come spiegato dallo stesso giocatore in un’intervista di alcuni mesi fa, si tratta di un’esultanza con vena polemica ma con un significato diverso: «E’ un’esultanza nata un po’ come polemica. E’ un modo come per dire che non mollo mai, che ho sempre il coltello tra i denti. E’ molto liberatoria».