Bonaventura: «Lo stile Milan è cambiato, a me solo mezze parole»

© foto Jack Bonaventura ai titoli di coda con il Milan

Giacomo Bonaventura ricostruisce i momenti che hanno portato il Milan a decidere di non rinnovargli il contratto

Giacomo Bonaventura ha parlato a SportWeek del proprio addio al Milan, una scelta maturata dalla società senza mai averlo realmente interpellato: «Ho capito che le valutazioni su di me erano cambiate quando mi sono infortunato al ginocchio. Dovevo operarmi, stare fermo fino al termine della stagione e ricominciare con un solo anno di contratto davanti. Una società che ha fiducia in te, ti sottopone il rinnovo appena vede che hai ripreso l’attività. Nel mio caso non è successo. Ci sono state mezze parole, niente di più. Forse è cambiato lo stile Milan, ma ho avuto la sensazione che nei miei confronti non ci fosse la considerazione di cui godevo prima dell’infortunio».

LE LACRIME DOPO MILAN-CAGLIARI: «Non c’era niente di preparato. Ho aspettato che uscissero tutti prima di restare qualche istante per conto mio e guardarmi intorno, ricordare. Ho fatto due passi, ho visto lo stadio come mai mi era capitato: vuoto. E vuoto sembra ancora più grande. Poi mi sono inginocchiato. È stato un momento di intimità tra me e San Siro. Ho provato gratitudine per tutto quello che ho vissuto dentro quell’impianto. Giocare lì era il mio sogno di bambino. Averlo fatto per sei anni col Milan è stato fantastico».