Boban, è il giorno dei cinquant’anni, gli auguri li fa lui al Milan

Boban
© foto www.imagephotoagency.it

Zvonimir Boban compie cinquant’anni, l’ex rossonero augura il Meglio al Milan e soprattutto a Leonardo e Maldini

Il Milan si avvicina al Derby nel migliore dei modi e soprattutto si “gode” la sosta senza la pressione rilevata nelle scorse settimane. Tre vittorie in altrettante gare (inclusa l’Europa League) certificano l’ottimo lavoro fin qui svolto da Leonardo e Maldini, come sottolineato anche da Zvonimir Boban, grande ex rossonero, che ha così parlato in occasione del suo cinquantesimo compleanno: «Spero che sia ripartito un nuovo ciclo e che nel giro di 3-4 anni rivedremo il Milan nella sua grandezza, ma serve tanto lavoro. Io me lo auguro. Leonardo e Maldini hanno cominciato a lavorare benissimo, ce la mettono tutta e di calcio ne sanno. Arriveranno buoni risultati, serve tempo».

SULLA VAR- Il vicesegretario generale della Fifa ha parlato ai microfoni di Radio Anch’io Sport, esprimendo un parere personale anche sulla VAR, amata ed odiata da molti senza mezze misure. Un sistema tecnologico che ancora divide ma che oggettivamente ha permesso di eliminare polemiche a scapito però del confronto tra tifosi che per un secolo ha animato il dopo week end calcistico: «Penso che l’Italia sua la migliore in assoluto per l’utilizzo della Var, non può essere una tecnologia perfetta, in mezzo ci sono sempre gli uomini a trarre delle decisioni. Ognuno tira acqua al proprio mulino, ma bisognerebbe contare quanti errori ci sarebbero stati senza la Var. Gli errori ci sono stati e ci saranno sempre, ma la Var sta mandando un messaggio importante in termini di trasparenza e chiarezza, sta pulendo il gioco del calcio. Fra vent’anni i nostri figli si chiederanno come abbiamo fatto senza la Var. Ha a che fare con gli arbitri, il calcio è bellissimo e va custodito, va preservata la sua natura e la sua tradizione».

Articolo precedente
Milan, un goal subito arriva sempre: vincere va bene ma il dato preoccupa
Prossimo articolo
GattusoGattuso: «Metterei sempre la firma per un 3-1, contate solo le reti subite»