Abbiati, parole dure e sincere sulla vecchia gestione: «Elliot, tieniti stretto Gattuso!»

© foto www.imagephotoagency.it

Christian Abbiati ha parlato di Milan, ovvero della vecchia e della nuova gestione, tra malumori e speranze di un futuro certamente migliore

A pochi giorni dall’insediamento della nuova società Milan, Christian Abbiati esce allo scoperto raccontando la propria verità sulla stagione appena trascorsa in veste di club manager. Parole forti ma decisamente interessanti, utili a comprendere il morale e l’umore di quei giorni, gestiti prima da Montella e poi da Gattuso. Abbiati ha parlato alla Gazzetta dello sport in primis di attualità, riferendosi chiaramente alla nuova gestione Milan: «Se mi chiamano, li ascolto volentieri. Da club manager devi essere un aiuto per tutto e tutti: allenatore, d.s., team manager, giocatori, Milanello. Ma è un ruolo strano, sempre sul filo dell’equilibrio. Faccio un esempio: se un giocatore fa una sciocchezza e lo riferisci al mister, poi rischi di passare per spia. Insomma, è un ruolo molto ‘politico’, e ho capito che non fa per me. Il più delle volte andavo a casa incavolato nero. Non aver continuato è qualcosa che dipende da me: Mirabelli mi aveva proposto il rinnovo, ma ho rifiutato. E poi in giacca e camicia non mi ci vedevo». 

RAPPORTI CON LA VECCHIA GESTIONE- «Il mio errore è stato quello di fare paragoni con il vecchio Milan, dove avevo punti di riferimento certi. Lì invece c’era molta confusione in ambito dirigenziale. Un’organizzazione fumosa che cercavano di far passare per perfetta. Il modo in cui è finita non mi stupisce e per come andavano le cose, è meglio che sia finita. Il mio punto di riferimento era Gattuso. L’obiettivo era reimpostare Milanello come una volta, con regole precise di comportamento. Comunque Rino è stato un fenomeno. Mi ha sorpreso molto come allenatore, ha saputo entrare nella testa dei giocatori, stimolandoli e motivandoli. Con queste generazioni non è facile. Consiglio a Elliott di tenerselo stretto». 

SU MONTELLA E MIRABELLI- «Montella è stato un mezzo disastro. È andata male perché non si fidava di nessuno. Un giudizio su Mirabelli? Una sorpresa positiva, è uno che si fa il mazzo. Ho vissuto da vicino il rinnovo di Donnarumma e devo dire che ha gestito la faccenda benissimo, a tutela del club. È stato uno dei pochi ad avere il coraggio di andare contro Raiola. E poi ha vinto la scommessa Gattuso». 

SU REINA E DONNARUMMA- «La convivenza tra Reina e Donnarumma è fattibile, le partite sono tante. Possono coesistere, la competizione può far bene a Gigio. Per lui la cosa migliore è restare ancora al Milan, anche perché è cambiato il preparatore e voglio vederlo con un altro sistema di lavoro. Magni ha il merito di averlo portato fin dove è arrivato, ma Gigio non è più migliorato. Si è fermato». 

SU MALDINI E LEONARDO- «Leonardo? Ci rimanemmo male quando andò all’Inter perché fu una cosa inaspettata. Ma vi dico che io nell’armadio ho solo due maglie autografate: quella di Maldini e la sua. Questo fa capire cosa penso di lui, credo. Maldini e Leonardo sono due amici e due grandi professionisti, che sanno fare il loro lavoro. Sono gli uomini giusti su cui riedificare perché conoscono molto bene il Milan. Da milanista Maldini lo volevo assolutamente vedere dentro e quando è arrivato Leo mi sono detto: ‘Ora arriva anche Paolo».

SU HIGUAIN E BONUCCI- «Higuain era il bomber che mancava. Sono sorpreso che la Juve abbia fatto questa operazione, a guadagnarci è il Milan. Bonucci? Probabilmente gli sono state promesse cose che non sono state mantenute. Ma Leo ha il merito di aver fatto crescere Romagnoli. Come sempre, il lavoro paga». 

Articolo precedente
jose mauri milanJosè Mauri, anche lui sulla lista dei partenti: l’esito dell’incontro con l’agente
Prossimo articolo
antonelli al genoa ipotesiAntonelli, l’Empoli sorpassa il Genoa: in Toscana un posto da titolare