28 maggio 2003, la notte di Manchester: Sheva spiazza Buffon – VIDEO

Il 28 maggio 2003: il Milan si laurea per la sesta volta Campione d’Europa, ma per la prima lo fa battendo in finale un’altra italiana

Non capita spesso che due squadre italiane arrivino in Finale di Champions League ed effettivamente è successo solo una volta nella storia e poi mai più: il 2003. A sfidarsi la Juventus campione d’Italia e il Milan che in Europa stava facendo percorso netto vincendo praticamente contro tutti.

Dominato il primo e il secondo girone contro compagini del calibro di Bayern Monaco e Real Madrid, quest’ultima sfidante della Juve in semifinale, il Milan è chiamato per la prima volta nella storia a disputare il derby più importante di sempre: quello che vale la finale di Champions. Ne escono fuori due partite probabilmente non bellissime, ma inadatte a tifosi deboli di cuore, vince il Milan che elimina l’Inter e il 28 maggio del 2003 vola a Manchester per la prima Finale tutta italiana contro la Juventus.

Ad impreziosire un evento già spettacolare di per sé, ci pensa la suggestiva cornice di Old Trafford, il Teatro dei Sogni. La partita è bloccata e tirata come spesso accade quando la posta in palio è così alta. Il match, nonostante non manchino le emozioni, non ne vuole sapere di sbloccarsi e dopo 120′ minuti di battaglia si decide tutto alla lotteria dei calci di rigore. Per i piemontesi risultano fatali gli errori dagli undici metri di Zalayeta, Montero e Trezeguet. Sedoorf e Kaladze tradiscono il diavolo, ma ci pensa l’ucraino Andrij Shevchenko a spiazzare Buffon e a regalare al Milan la sesta Champions League della sua storia. Un trionfo per Maldini e compagni, che conferma la dimensione europea del club di Milano. Una grande beffa invece per la Juventus, che perde un’altra finale, ma che a fine anno potrà consolarsi almeno in parte con la vittoria del Pallone d’Oro da parte di Nedved.