Presentazione Milan femminile, le parole dei protagonisti

© foto www.imagephotoagency.it

Presentazione Milan femminile: è il momento della conferenza stampa ufficiale della squadra con le parole dei protagonisti

Presentazione Milan femminile: oggi è il giorno della conferenza stampa ufficiale della squadra. Parola ai protagonisti. Parleranno l’allenatore Ganz e una giocatrice rossonera. L’evento si tiene dalla “Sala delle Colonne” del Banco BPM di Via Meda a Milano. Presente anche il presidente del club Paolo Scaroni. Queste le sue parole in apertura:

«L’anno scorso è andato bene ma quest’anno vogliamo che vada benissimo. Abbiamo 25 ragazze provenienti da diversi luoghi, siamo un esempio di multiculturalismo. Il Milan è stato un antesignano nel calcio femminile aprendo la propria sezione. Durante i mondiali francesi ci sono stati 25 milioni di italiani che hanno guardato le partite: ciò significa più sponsor, più marketing. Noi come Milan femminile puntiamo alla vetta iniziando da domenica»

Sempre Scaroni – «Non sono un esperto di calcio ma (rivolgendosi alle ragazze) come giocate voi la palla non lo fa nessuno, neanche tante squadre maschili»

Parola a Ganz – «Iniziamo una stagione importante, sono nervoso ma anche concentrato. Non vedo l’ora che arrivi domenica, non mi aspettavo un ambiente così pulito, così chiaro fatto da ragazze che hanno una motivazione straordinaria. Qualche volta ho dovuto fermarle perché vorrebbero allenarsi sempre. Sono fantastiche, la partenza è stata veramente splendida»

Ganz sulle motivazioni – «Non le abbiamo vinte tutte, in precampionato abbiamo perso solamente contro il Psg. Ieri abbiamo visto Juventus-Barcellona di Champions, per arrivare a quei livelli ci vuole ancora tempo ma siamo motivati»

Prende parola Giacinti – «Indossare la maglia del Milan è un’emozione incredibile. Indossare la fascia mi riempie d’orgoglio. Stare qui con tutte queste grandi ragazze mi galvanizza»

Ganz – «Non mi è mai capitato di finire l’allenamento e non vedere l’ora che arrivi il giorno dopo per ricominciare. Questa è una cosa che un po’ mi imbarazza visto che alleno da 13 anni. L’obiettivo è arrivare in Champions ma, come ho detto alle ragazze, scendiamo in campo per vincerle tutte»

Giacinti – «L’obiettivo dell’anno scorso è migliorare il posizionamento della passata stagione centrando la qualificazione in Champions. Per quanto riguarda me spero di ripetermi perché i miei gol arrivano solo per finalizzare il lavoro delle mie compagne»

Ancora Giacinti – «Il Mondiale è stata un’emozione unica. La vittoria più bella è essere entrati nel cuore degli italiani. Da lì non potevamo capire quanto entusiasmo ci fosse qui, siamo felicissime»