Milan-Torino, probabili formazioni: Gattuso ritrova Higuain ma cambia modulo

© foto www.imagephotoagency.it

Non si fida del Torino Gennaro Gattuso, per la gara di domenica un modulo decisamente più prudente rispetto a quello visto con il Parma

Il Milan nella giornata di ieri è tornato ad allenarsi in vista del match di domenica sera contro il Torino. Gattuso sembrerebbe intenzionato a confermare Abate al centro della difesa rossonera, tornando dunque al 4-4-2, dopo il 4-3-3 utilizzato contro il Parma. Sarà una sfida per l’Europa (classifica alla mano) quella con Mazzarri, il Toro vanta un sesto posto e 21 punti in graduatoria con 19 goal fatti e 16 subiti. Sono 4 i punti di distanza dai rossoneri che dovranno guardarsi le spalle dalla Lazio, impegnata in casa contro la Sampdoria sabato dalle 20:30. Gattuso domenica ritroverà Higuain pensato al fianco di Cutrone, entrambi dal primo minuto nella gara che precede l’ultima di Europa League, che presumibilmente il tecnico rossonero andrà a giocare con una punta sola. Il centrocampo vedrà la conferma dei due esterni Suso e Calhanoglu, in mezzo la solidissima coppia Kessie-Bakayoko. Tornando alla difesa, come detto ancora Abate in mezzo, per Romagnoli è ancora presto quindi Zapata più che confermato, Calabria e Rodriguez sulle corsie di destra e di sinistra.

MILAN (4-4-2): G. Donnarumma; Calabria, Abate, C. Zapata, R. Rodríguez; Suso, Kessié, Bakayoko, Çalhanoglu; Higuaín, Cutrone. A disposizione: Reina, A. Donnarumma, Conti, Simić, Laxalt, Mauri, Bertolacci, Montolivo, Halilović, Borini, Castillejo. Allenatore: Gattuso.

Squalificati: nessuno;Diffidati: Kessié;

Indisponibili: Caldara, Musacchio, Romagnoli, Strinić, Biglia, Bonaventura;

TORINO (3-4-1-2): Sirigu; Izzo, Nkoulou, Djidji; De Silvestri, Meïté, Rincón, Ansaldi; Baselli; Iago Falque, Belotti. A disposizione: Ichazo, Aina, Moretti, Bremer, Lyanco, Soriano, Lukić, Berenguer, Parigini, Edera, Zaza, Damascan. Allenatore: Mazzarri.

Squalificati, diffidati ed indisponibili: nessuno

 

Articolo precedente
GazidisMilan, benvenuto Gazidis: il rivoluzionario silenzioso
Prossimo articolo
CalabriaCalabria, il Milan festeggia un leader proiettato verso il futuro: Tanti auguri!