Milan qualificato in Europa League, ma sarà importante battere la Fiorentina

europa league
© foto www.imagephotoagency.it

Il Milan si qualifica matematicamente in Europa League per il secondo anno di seguito. Ora manca l’accesso diretto alla competizione

Milan in Europa League per il secondo anno consecutivo. La sfida contro la Fiorentina varrà l’accesso diretto o meno alla competizione. Fallito l’obiettivo Champions League (obiettivo dichiarato ad inizio stagione), i rossoneri centrano la seconda competizione europea per importanza. Il gol dell’ex Franck Kessie ha sbloccato un match fino a quel momento in bilico. La squadra di Gennaro Gattuso ha fornito una prestazione sufficiente nel match decisivo per l’accesso diretto all’Europa League, ma ha sprecato tutto nel finale. Dopo la brutta sconfitta contro la Juventus nella finale di Coppa Italia non era facile centrare l’obiettivo europeo.

EUROPA – Ringhio è stato tarantolato per tutti i novanta minuti, ma ha anche commesso qualche errore tattico. La situazione di superiorità numerica andava gestita meglio così come il possesso palla. Ingenuo Riccardo Montolivo in quel suo intervento in scivolata su un campo bagnato con l’arbitro condizionato da tutto lo stadio. Il pareggio negli ultimi minuti ha rimesso in discussione il sesto posto rimandando ogni discorso a settimana prossima.

GATTUSO – In attesa di comunicazioni ufficiali da parte della società, Ringhio Gattuso rimane saldamente al comando del Milan. Dopo il disastro di Vincenzo Montella, Gattuso ha saputo ridare speranze ai rossoneri per la qualificazione Champions pur con grandi scivoloni di percorso. I rossoneri nonostante i 220 milioni spesi si riconfermano una squadra modesta ancora in costruzione. Vedremo come la proprietà cinese, in attesa di risolvere i problemi finanziari, deciderà di cambiare la rosa in vista di traguardi più importanti ‘anno prossimo.

Articolo precedente
KessiéPagelle di Atalanta-Milan 1-1: Kessie spacca il match, Monto ingenuo
Prossimo articolo
GattusoGattuso difende Donnarumma e Kalinic, ma il rapporto con i tifosi è ormai incrinato