Juventus-Milan, ecco quello che non è andato

Bonaventura
© foto www.imagephotoagency.it

Il day after tomorrow è sempre il peggiore in questi casi, il giorno in cui a mente fredda si prova ad analizzare quello che non è andato nell’ultima partita. Ecco quello che non ha funzionato in Juventus-Milan

Oggi è il giorno di Pasqua, il day after tomorrow della partita Juventus-Milan, una partita in cui i rossoneri hanno perso immeritatamente, pagando alcuni errori che non puoi commettere contro una squadra come quella bianconera. Il giorno dopo, a mente lucida, è sempre il migliore per provare ad analizzare quello che non è andato nella partita del giorno prima. Ecco alcuni errori che potrebbero essere stati commessi nella partita di ieri.

LA FASE DIFENSIVA – Due dei tre goal bianconeri sono arrivati su due errori della fase difensiva. Il Milan ha fatto leggermente fatica a chiudere gli spazi centralmente, Dybala si è inserito spesso tra questi buchi centrali dove, grazie a un suo tiro, ha permesso ai bianconeri di passare in vantaggio. Il secondo goal è arrivato su una diagonale non completata di Calhanoglu che ha permesso a Cuadrado di saltare da solo.

I CAMBI – La sconfitta è arrivata anche per alcuni errori commessi nei cambi. Calhanoglu ha sempre dato l’impressione di essere pericoloso, uno con quel piede dovrebbe essere sempre tenuto in campo. Il giocatore che doveva essere sostituito era sicuramente Bonaventura che ieri non ha reso al massimo delle sue potenzialità.

GLI ERRORI SOTTO PORTA – Il Milan ha commesso diversi errori sotto porta, tra cui i due di André Silva nel primo tempo e Bonaventura nel secondo tempo. Sono errori che contro una squadra come la Juventus non si possono commettere.