Inzaghi: «Bonucci grandissimo acquisto. Vorrei due ex Milan al Venezia»

Inzaghi Milan
© foto www.imagephotoagency.it

Nel giorno del suo 44esimo compleanno Filippo Inzaghi ha così risposto alle domande dei colleghi di MilanTv

Intervistato ieri sera da MilanTv in occasione del proprio compleanno Filippo Inzaghi ha così parlato dei match estivi: «A noi non vengono grossi problemi di stimoli, auguriamoci che nel prosieguo del campionato non dia grossi problemi anche se noi in quell’anno (il 2007 ndr) puntammo sulla Champions e arrivammo in fondo, speriamo che il Milan possa farlo».

REGALI –  «Il calcio mi ha fatto tantissimi regali, due gol in una finale di Champions League e quello in Supercoppa e al mondiale per club. Quei cinque gol, a parte un record storico, sono un sogno».

MERCATO – «Sono felicissimo di allenare i miei giocatori che mi hanno regalato una stagione stupenda, mi vanno bene quelli che ho. Quest’anno ci stiamo rinforzando, diciamo che mi piacerebbero due ex rossoneri, Gilardino e Zigoni. Mi auguro che succeda».

GATTUSO –  «Rino è molto intelligente, non ha bisogno dei miei consigli. È già un allenatore affermato, aveva già dimostrato il proprio valore. Gli faccio l’in bocca al lupo, gli auguro di togliersi le soddisfazioni che solo i ragazzi sanno dare. Vedi la crescita dei ragazzi, cosa voglia per loro dire vincere un trofeo».

GOL PIÙ BELLO – «Non ne ho dimenticato uno dei miei gol, il gol contro la Juve era bello ma ce ne sono stati tanti alla Inzaghi. Il primo che mi viene in mente è il secondo con il Liverpool nella finale del 2007 con Kakà che mi ha dato una bellissima palla, lo ringrazio anche per gli auguri, l’ho sentito oggi». 

BONUCCI – «Penso che per il Milan sia un grandissimo acquisto, se uno fa una scelta così serve accettarla. Bonucci ha fatto benissimo alla Juve e si ripeterà al Milan».

MILAN  – «Al Milan è tornato un grandissimo entusiasmo e mi auguro che riescano a ottenere i successi e gli obiettivi che si sono prefissati. Per quanto riguarda me, la Serie B è un campionato difficile, dovremmo cercare di mantenere la categoria».