Icardi al Milan non è fantamercato: i 5 motivi per cui è possibile

© foto Il PSG punta al riscatto di Icardi

Mauro Icardi al Milan non è per niente fantamercato. La trattativa trova anche l’approvazione di diversi addetti ai lavori, facciamo il punto

Mauro Icardi al Milan non è fantamercato. La trattativa è già avviata e trova l’approvazione di diversi addetti ai lavori (l’ultima conferma in questo senso è arrivata anche da Collovati e Di Marzio). In quest focus esponiamo i cinque motivi per cui Icardi potrebbe veramente giocare nel Milan la prossima stagione.

1 – WANDA NARA: Wanda Nara sta facendo carte false per tornare a Milano. La moglie ed procuratrice del giocatore è legata, anche per motivi professionali, al capoluogo milanese. In ballo ci sono, non solo presenze in televisione, ma soprattutto eventi e contatti con il mondo della moda. E al momento è proprio quest’ultimo il settore in cui la modella sta investendo.

2 – PSG: I francese non sembrano intenzionati a riscattare l’attaccante. Al Khelaifi, facoltoso presidente dei parigini, vuole un grande colpo ad effetto. Con Cavani in partenza (e Neymar in dubbio), il PSG punterà forte su un top player da affiancare a Mbappé. E quel nome, per la piazza parigina, non può essere Mauro Icardi.

3 – MAI PIU’ INTER: Antonio Conte e Beppe Marotta hanno già fatto sapere più di una volta che non ci sarà spazio per l’argentino. Per Mauro va escluso categoricamente un ritorno all’Inter. Considerando che il PSG non lo riscatterà, bisognerà trovare un’altra sistemazione o sarà guerra con i nerazzurri.

4 – ADDIO IBRA: Il Milan deve assolutamente comprare un attaccante. Ibrahimovic partirà e forti dubbi, per diversi motivi, ci sono anche su Leao e Rebic. Manca un centravanti da doppia cifra nell’attacco rossonero.

5 – SALDO: L’argentino vuole prendersi una rivincita nei confronti dell’Inter e avrebbe già espresso l’intenzione di andare al Milan. Zhang non vuole creare altri problemi e sa, allo stesso tempo, di non poter chiedere cifre astronomiche per il giocatore. Un trasferimento a prezzo di saldo (si parla di 35 milioni) di Maurito in rossoneri potrebbe fare tutti contenti. Conte compreso, che con quel gruzzoletto in tempi di crisi potrebbe chiedere qualche altro acquisto.