Higuain-Icardi, il rossonero ha già vinto la sfida a distanza

© foto Higuain

Gonzalo Higuain in queste prime uscite del Milan ha già convinto l’ambiente rossonero. Sull’altra sponda di Milano Icardi continua a deludere

L’ultimo calciomercato ha regalato a Gennaro Gattuso un tassello importante per rinforzare la rosa. Gonzalo Higuain si è subito adattato all’ambiente rossonero e, per quanto visto finora, non ha deluso le aspettative dei tifosi. Sui media è iniziata già la sfida a distanza tra il Pipita e Mauro Icardi, capitano dell’Inter e simbolo dei colori nerazzurri. Tuttavia, questo confronto a distanza travalica le pagine dei giornali per coinvolgere anche il ruolo da titolare nella Nazionale Argentina.

NUMERO NOVE – Il nuovo corso dell’Albiceleste prevede cambiamenti anche in attacco. I deludenti Aguero, Di Maria e Messi potrebbero non essere più sicuri del posto da titolari. Si prospetta l’inserimento, o meglio il re-inserimento, di Icardi, Higuain e Dybala nella selezione sudamericana. Proprio per questo motivo la sfida a distanza tra i due bomber potrebbe decretare chi sarà il prossimo centravanti in nazionale.

DERBY – Il Pipita nella partita contro il Napoli ha giocato sulla soglia della sufficienza anche a causa del mancato supporto della squadra. Poi contro la Roma ha dato il meglio di sé con un assist al bacio per Patrick Cutrone, un gol annullato e tante giocate utili per i compagni. Sull’altra sponda del Naviglio Icardi ha deluso contro il Sassuolo e contro il Torino e ha saltato il match contro il Bologna rimanendo ancora a secco in campionato.

SFIDA – Sulle pagine di Tuttosport, il direttore di Telelombardi Fabio Ravezzani ha duramente criticato il capitano dell’Inter: «Il confronto tra Icardi e il contributo al gioco di Higuain è spietato, tutto vantaggio di Gonzalo, come dimostra la partita con la Roma. Icardi non solo non ha segnato finora, ma s’è visto poco o niente. Gran delusione per uno che viene definito dalla moglie-manager oggetto del desiderio non solo suo (le crediamo sulla parola) ma dei principali tre club europei (attendiamo ancora prove in merito)». Insomma, il tanto declamato numero 9 nerazzurro forse non è proprio sui taccuini degli operatori di mercato di mezza Europa. Forse il vero top player veste sì la maglia numero 9. Ma del Milan.

Articolo precedente
Maldini ChampionsContinua la dinastia Maldini, Daniel in prima squadra
Prossimo articolo
Da Gragnano a San Siro, il Milan racconta la storia dei fratelli Donnarumma