Giampaolo: «A Genova ho sempre vinto i derby, Milanello straordinario»

Giampaolo
© foto Facebook

Marco Giampaolo ha rilasciato la prima intervista da Milanello per Milan Tv. Ecco le sue parole sulla stagione

Marco Giampaolo ha rilasciato la prima intervista per Milan Tv con Mauro Suma. È stata l’occasione per parlare delle motivazioni e dei progetti per l’inizio della stagione: «Penso sempre a lavorare per migliorare. Non parlo molto, ma cerco di creare un rapporto intellettuale con i miei giocatori. Sono innamorato dei miei calciatori, cerco sempre di recuperare chi deraglia. Sono i giocatori che fanno la differenza. Io amo i lavoratori e quelli silenziosi, a volte si comunica anche con gli atteggiamenti e non con le parole. Io sono fatto così».

Sul derby: «Il derby è sempre una partita diversa. Per me è stato così a Genova e ho avuto la fortuna di non perdere mai. So cosa significa per i tifosi, so che vincere partite così è molto importante per i tifosi. Per vincere bisogna però a giocare a calcio. Il derby porta grande pressioni, io a volte ho rinunciato ai ritiri prima del derby per non avere influenze negative sui giocatori».

Sullo staff: «È determinante, io mi avvolgo della collaborazione di 10-12 persone che lavorano duramente dalla mattina alla sera. Oggi i giocatori vengono seguiti tutti i giorni, si cerca sempre di farli rendere al meglio. Io mi preoccupo molto dello stato psico-fisico dei miei ragazzi. Ho grande fiducia nel mio staff».

Sul progetto: «Io mi affeziono e mi innamoro dei miei giocatori. Ieri mi è stato chiesto di Praet, che ammiro tanto, lo stimo molto, ma ora sono al Milan e faremo tutti insieme le giuste valutazioni per costruire una squadra più competitiva possibile».

Su Milanello: «È un posto straordinario. Ho voluto conoscere subito il giardiniere, per me è molto importante il campo. Questo è il posto migliore per poter allenare. Non lo avevo mai visto, è un posto straordinario per lavorare».