Europa, il Toro tifa Atalanta ed Inter: situazione molto simile allo scorso anno

mazzarri milan everton
© foto www.imagephotoagency.it

Europa, un anna è passato dall’estenuante attesa per la decisione Uefa che vedeva reintrodurre il Milan a spese della Fiorentina

Europa, dentro o fuori, l’ultima giornata di campionato chiuderà il quadro delle squadre qualificate alle prossime competizioni internazionali o forse no. Che succede? Esattamente quello che è accaduto lo scorso anno con il Milan che era stato escluso dalle coppe europee per poi essere reintegrato dalla Uefa, a spese di una Fiorentina che iniziava a crederci e a prepararsi in tal senso. L’Europa League inizia molto presto in estate con i 3 turni preliminari di introduzione alla fase a gironi, da qui l’attesa del club viola, poi delusa dalla decisione Uefa di reinserire il Milan in Europa League.

ANALOGIE CON IL PASSATO- Un anno è passato da quei tempi così difficili, la situazione sembrerebbe migliorata dal punto di vista della classifica ma la certezza l’avremo soltanto al triplice fischio di tutte le gare in contemporanea domenica sera. Tuttavia la situazione qualificazione racconta delle analogie con quella dell’anno scorso, vediamo perchè. Il Toro al momento aritmeticamente è fuori dall’Europa, potendo raggiungere solo la Roma, con la quale è in svantaggio per gli scontri diretti. Al momento, qualificate per l’Europa League ci sono Milan, Roma e Lazio (di diritto per aver vinto la Coppa Italia).

ATTESA TORO- Se il Milan non dovesse andare in Champions potrebbe accettare l’esclusione dall’Europa League come sanzione Uefa relativa al Fair Play finanziario e dunque liberare un posto che prenderebbe il Toro per diritti di classifica.

UN’ALTRA CALDA ESTATE- Mentre le temperature primaverili stentano a decollare, quelle societarie salgono e si preparano a vivere una lunga estate di attese estenuanti, esattamente come fu per la Fiorentina lo scorso anno. Ecco perchè domenica il Toro farà il tifo per Atalanta ed Inter, in modo tale che il Milan possa occupare un posto in Europa League per poi liberarlo e consegnarlo ai granata.