DAZN presenta Atalanta-Milan: precedenti e curiosità

Bonaventura
© foto www.imagephotoagency.it

La sfida di sabato sera Atalanta-Milan sarà cruciale per le sorti del quarto posto: ecco una presentazione esclusiva di DAZN

Atalanta-Milan sarà uno dei primi spareggi decisivi per la corsa al quarto posto: un solo punto distanzia la compagine di Gattuso da quella di Gasperini e l’esito finale del match dirà molto sugli sviluppi di questa corsa. La partita sarà un’esclusiva di DAZN. GUARDA QUI LA PROGRAMMAZIONE DI QUESTO WEEKEND. La piattaforma per l’occasione ha fornito alcuni interessanti dati circa precedenti e curiosità tra i due club. Vediamoli insieme:

Precedenti Atalanta-Milan: 13 le vittorie dell’Atalanta, 22 quelle del Milan e 22 i pareggi.
L’Atalanta è imbattuta nelle ultime sette partite di campionato contro il Milan (2V, 5N), mentre aveva ottenuto sei sconfitte nelle precedenti nove (3V).
L’Atalanta ha perso 22 partite casalinghe contro il Milan in Serie A, ma nessuna delle ultime tre: i bergamaschi hanno perso più gare interne in campionato solo contro la Juventus (26).
L’Atalanta è andata a segno in tutte le ultime sette partite casalinghe di campionato (16 reti in totale), dopo una serie di tre gare interne senza gol.
Da inizio dicembre a oggi il Milan ha subito solo 4 gol in Serie A: nei maggiori cinque campionati europei è un primato condiviso con il Barcellona.

Il Milan è imbattuto nelle ultime sei trasferte di campionato grazie a due successi e quattro pareggi: i rossoneri non arrivano a sette gare esterne senza sconfitte dall’aprile 2013.
Il Milan è la squadra che ha segnato meno gol di testa in questo campionato (uno), mentre l’Atalanta quella che ne ha realizzati di più (11).
Duván Zapata ha segnato 16 gol in questo campionato: l’ultimo giocatore dell’Atalanta a segnarne di più in una singola Serie A fu Inzaghi nel 1996/97 (24) – nelle ultime tre gare contro il Milan ha realizzato un gol e fornito due assist.
Nelle gare di campionato con la maglia del Milan Krzysztof Piatek ha tenuto una percentuale realizzativa del 25%, mentre al Genoa era al 17%.