Conti, quella voglia di tornare in campo: meglio non affrettare i tempi

conti
© foto www.imagephotoagency.it

Andrea Conti aspetta solo il momento di tornare in campo, lo aspetta ormai da mesi a causa del brutto infortunio al ginocchio che lo ha tenuto fuori per quasi tutto il girone di andata. Anche Gattuso lo aspetta, da lui si potrebbe davvero ricominciare

Andrea Conti sogna di anticipare i tempi di recupero dal grave infortunio al ginocchio, secondo Gazzetta dello sport però  a Milanello nessuno vuole correre rischi e per questo motivo è stata programmata una tabella di lavoro personalizzato e prolungato di una settimana al fine di regolarizzare i tempi anziché accelerare pericolosamente, senza necessità specifiche. Conti punta a tornare in campo per fine febbraio, vale a dire per gli ottavi di finale di Europa League ovviamente previo passaggio del turno contro il Ludogorec ai sedicesimi.

MEZZO INGAGGIO PUR DI GIOCARE- Molto forti le parole dell’esterno destro che ha dichiarato di essere pronto a dimezzarsi l’ingaggio pur di giocare subito oppure di restituire tutto per non infortunarsi più. Parole che certificano la sofferenza di un ragazzo che interrotto bruscamente il volo, proprio nel momento in cui la sua carriera si apprestava a decollare. Tutto potrà tornare come prima, molto farà la sua pazienza e soprattutto la risposta del suo fisico ad un danno così grave che fino ad ora lo ha tenuto fuori per quasi tutto il girone di andata.

GATTUSO LO ATTENDE- Il rientro dovrà essere ovviamente graduale, il ruolo di terzino comporta un dispendio atletico non indifferente, molto spesso fatto di scontri e di situazioni dove necessita usare completamente il fisico per fermare l’avversario. Una volta recuperato completamente non sarà difficile reinserirlo, Gattuso al suo posto ha a disposizione Abate e Calabria, al momento decisamente sostituibili.

Articolo precedente
yonghong milanMilan, rifinanziamento: un fondo arabo potrebbe essere determinante
Prossimo articolo
DonnarummaCi risiamo, PSG alla finestra per Donnarumma: la posizione del Milan