Conte, per ora solo il Chelsea: Milan e Real attendono studiando la situazione

Conte
© foto www.imagephotoagency.it

Antonio Conte torna ciclicamente a far parlare di se, Milan e Real lo seguono ma la situazione a Londra rimane di stallo

Si torna a parlare di Antonio Conte come di consueto in questi casi, soprattutto dopo un disastro come quello di domenica sera che proietta la società nel limbo di una stagione simile, per non dire identica a quella trascorsa. La classifica attuale è ancora corta solo perchè siamo ad Ottobre ma senza la gara con il Genoa (mercoledì 31 ottobre) il Milan si ritrova a meno 6 dalla Lazio, quarta in classifica, una situazione che alla luce degli investimenti fatti in estate, mina senza ombra di dubbio la serenità ed i rapporti tra società e tecnico, il quale ora dovrà rispondere sul campo contro Betis e Sampdoria, sperando che la sconfitta contro l’Inter non porti alla classica spaccatura dello spogliatoio. A proposito di questi eventuali scenari torna in auge il nome di Antonio Conte e insieme a lui tutta una serie di problemi che anche il Real Madrid starebbe valutando con attenzione

ABRAMOVICH PRIMA DI TUTTOConte si è lasciato malissimo con il Chelsea, il suo contratto ha una valenza in essere ancora fino a Giugno 2019, la posizione con il presidente Abramovich è ancora di stallo e certamente favorevole all’ex ct della nazionale, il quale vorrebbe i suoi 10,8 milioni di stipendio fino a fine stagione. Dunque niente sconti né trattative per una buonuscita dopo la rottura con il club e soprattutto le modalità del cambio in panchina con Sarri arrivato in piena preparazione, insomma nel momento meno opportuno. Da qui il blocco che tiene in sospeso Milan e Real Madrid, i legali del club campione d’Europa ne hanno addirittura studiato il caso, data la fretta nel risolvere la questione Lopetegui, molto più incombente rispetto a quella rossonera. Dunque la situazione Conte è la medesima, quindi per il momento si andrà avanti senza particolari scossoni e Real Madrid permettendo se ne riparlerà molto probabilmente dalla prossima stagione…oppure da Gennaio.

Articolo precedente
DonnarummaMilan, serve un capro espiatorio: l’errore di Donnarumma conta più degli altri
Prossimo articolo
Paquetà: «Milan? Per ora non posso parlare ma sono felice ed entusiasta»