Arsenal umiliato dal City, i media: «In otto se ne devono andare»

© foto www.imagephotoagency.it

Nel weekend l’Arsenal ha perso 3-0 la finale di Carabao Cup contro il Manchester City: una vera lezione impartita dagli uomini di Guardiola a quelli di Wenger. La squadra è sotto accusa

Se il Milan sorride per un ottimo periodo di forma, non si può dire altrimenti dell’Arsenal che è reduce dalla batosta rimediata in finale di Carabao Cup contro il City di Guardiola. Un 3-0 senz’appello quello subito dai ragazzi di Wenger, mai in partita e usciti dal campo con le ossa rotte. A rimarcare il periodo di forma poco brillante della squadra ci ha pensato Mark Irwin, penna importante del Sun. Nel suo pezzo d’analisi, Irwin ha indicato quali siano le ‘mele marce’ da estorcere per permettere ai Gunners di competere a maggiori livelli: da Mustafi a Welbeck fino al nuovo arrivato Lacazette, indisponibile per Wenger contro il Milan a causa di un infortunio, sono tanti i colpevoli dell’ennesima stagione deludente per il club.

Shkodran Mustafi: Troppo lento e troppi errori quando è sotto pressione. VIA!

Per Mertesacker: il tedesco si ritirerà a fine stagione ma è troppo lento per giocare dall’inizio. VIA!

Calum Chambers
: la fiducia su di lui è fatta a pezzi e sembra un incidente che deve accadere. VIA!

Sead Kolasinac: firmato a giugno con grandi fanfare… prima che Wenger abbia capito che non sa giocare da difensore. VIA!

Granit Xhaka: non sa contrastare e sa solo passare la palla al vicino – e Wenger lo fa giocare ogni settimana -. VIA!

Alex Iwobi: il centrocampista è stato protagonista in negativo quest’anno e forse ha bisogno di nuove sfide. VIA!

Alexandre Lacazette: difficile vedere dove giocherà quando recupererà dall’infortunio visto che c’è Aubameyang. VIA!

Danny Welbeck: troppi infortuni gli hanno fatto perdere la fiducia e la rotta. VIA!

Decisamente un brutto momento per l’Arsenal: il Milan dovrà sfruttarlo a dovere, sebbene in una sfida così, solitamente, il passato non conta e le difficoltà si azzerano.

Articolo precedente
Milan, occhi su Meyer: l’assist arriva da un giocatore dello Schalke
Prossimo articolo
BerlusconiMilan, anche Berlusconi esalta Gattuso: «Ma potrebbe andare meglio»