Altafini: «Milan, basta errori. Milik non è un top player»

Altafini
© foto José Altafini, autore della doppietta decisiva nella finale del 1963

Jose Altafini ha parlato dell’ipotesi Milik al Milan: l’ex telecronista ha chiarito come non possa essere il polacco l’uomo chiave del futuro

Intervistato da La Gazzetta dello Sport, Jose Altafini, ex giocatore del Milan ed ex telecronista tv, ha parlato della situazione in cui riversa il club rossonero. Ecco le sue parole: «Tutto sbagliato per i rossoneri, tutto da rifare: al Milan serve un rimpasto generale, e in una ottica di questo tipo non si può prescindere dalla panchina. Non dico che Pioli non sia un bravo allenatore, ma penso che a volte le rivoluzioni facciano bene».

SU RANGNICK – «Quando giocavo nel Palmeiras, prima di passare al Milan, nel club si viveva una crisi simile a quella attuale dei rossoneri. La società azzerò tutto, cambiando da ogni punto di vista, e il Palmeiras tornò a vincere. Non so se Rangnick sia l’uomo giusto per allenare il Milan, ma so che chiunque si siederà su quella panchina dovrà avere potere decisionale, come fu per Mourinho quando arrivò all’Inter».

MILIK – «Milik non è il top player che può far fare il salto di qualità, andrei su altri profili».