Repubblica- Riavvio serie A, programma prende forma ma i nodi restano

Tommasi
© foto Damiano Tommasi, presidente dell'Assocalciatori

Repubblica, uno sguardo alla giornata di giovedì prossimo dove si incontreranno il ministro Spadafora e le componenti della Figc

Repubblica, uno sguardo alla giornata di giovedì prossimo dove si incontreranno il ministro Spadafora e le componenti della Figc per ufficializzare la ripresa del campionato. Tutto molto bello e semplice all’apparenza ma l’Aic non arretra e chiede adeguamenti, non solo economici.

PUNTO UNO- pagamento degli stipendi di marzo, aprile e maggio: i calciatori (al netto di coloro che hanno trovato un’intesa al riguardo con il proprio club) chiedono arretrati ed adeguamento allo stato attuale.

PUNTO DUE- I contratti in scadenza, molti di questi il 30 giugno, per un totale di 133 che andranno adeguati a seconda delle esigenze societarie.

PUNTO TRE- Gli infortuni: l’ultimo, quello di Ibra, spaventa ulteriormente non solo i diretti interessati. Secondo FIFPRO, il sindacato mondiale dei calciatori, in Bundesliga sarebbero stati 30 gli infortuni nelle prime due giornate.

PUNTO QUATTRO- Orari partite: troppo caldo per giocare alle 16,30 (soprattutto per chi non ha mai giocato un mondiale o un europeo)