Piatek, Milan e Genoa a stretto contatto: trattativa avanzata

Piatek
© foto www.imagephotoagency.it

Piatek ed Higuain, protagonisti del mercato rossonero, il primo in entrata, il secondo forse in uscita, prima c’è la Supercoppa da giocare

Milan al centro della prima pagina su Gazzetta dello sport, la quale nell’edizione odierna  punta il proprio indice sull’affare Piatek-Higuain, indicando nel polacco l’erede prescelto dell’argentino in caso di fuga di quest’ultimo verso Londra. Prima però c’è una finale di Supercoppa da giocare, domani sera a Gedda l’argentino dovrà dimostrare ancora una volta di essere da Milan, nel caso in cui fosse anche decisivo allora le carte si mischierebbero un’altra volta e a quel punto conterebbe solo il parere del giocatore che a quanto pare, ad oggi avrebbe già scelto l’Inghilterra. Gazzetta titola così: I rossoneri contattano il Genoa per il polacco. Leo chiede Piatek. Il pistolero del Genoa se partirà Higuain. Sulla colonna di sinistra l’immagine di Piatek ed una didascalia assolutamente da sottolineare: Il D.T. rossonero telefona a Preziosi, ora si aspetta il via libera di Elliott. Prima però il Chelsea deve arrivare all’ingaggio del Pipita.

HIGUAIN CHIAVE DI SVOLTA- Potrebbe essere l’eroe della Supercoppa Italiana 2019 oppure la chiave di svolta per arrivare a Piatek definitivamente, Higuain assoluto protagonista, mai così discusso nemmeno nei tempi migliori. Se Milan dovesse vincere grazie a lui potrebbe anche pensare di trattenerlo ma a quel punto la volontà del giocatore sarebbe decisiva, in caso invece di figuraccia sarebbe quasi inevitabile cambiare aria, consentendo a Leonardo di andare a fondo con Preziosi e chiudere un altro affare che sa veramente di futuro, sia dal punto di vista finanziario che dal punto di vista sportivo. Nel caso dovesse andare via Higuain ed arrivare Piatek, il Milan si ritroverebbe ancora con 2 punte in rosa ma con un Piatek in più, capace di far vedere cose incredibili nella prima parte di stagione, per tecnica, visione di gioco, potenza fisica e prontezza mentale. Il resto è una scommessa, si sa, anche Higuain lo era, al momento persa ma non si sa mai, ci sono ancora 90 minuti a disposizione per cambiare la storia.