Modric, il suo entourage conferma le parole di Boban

© foto www.imagephotoagency.it

Modric sempre più a Madrid e sempre meno a Milano, l’entourage del giocatore frena gli entusiasmi come aveva già fatto Boban

Modric più volte accostato negli ultimi tempi a Milan e Paris Saint-Germain, in particolar modo si era diffusa nella giornata di ieri la notizia che il centrocampista croato potesse rientrare nella trattativa per Neymar, pronto a tornare a Barcellona. Era necessario dunque un intervento dell’entourage del giocatore, che puntualmente è arrivato a chiarire e a confermare quanto detto ieri da Boban sul possibile trasferimento al Milan. Lo staff del croato, a Marca, ha assicurato l’assoluta intenzione del Pallone d’Oro in carica di restare a Madrid. Il giocatore è molto felice e non vede l’ora di cominciare l’ottava stagione con il club spagnolo, con il quale ha vinto 16 titoli.

QUALCHE GUAIO FISICO- Intanto il giocatore spera di risolvere presto i problemi fisici che lo costringeranno a saltare l’amichevole contro il Salisburgo, per poi tornare a completa disposizione di Zidane per l’inizio del campionato.

BOBAN SU MODRIC- Nella giornata di ieri, Boban ha fatto chiarezza su quello che improvvisamente pare sia diventato il colpo dell’estate rossonera, senza però alcuna possibilità oggettiva. Il dirigente rossonero ha parlato a Gazzetta dello Sport, la quale ha riportato alcune dichiarazioni molto importanti: «Già venti giorni fa Paolo Maldini aveva dichiarato che Luka Modric non sarà un giocatore del Milan, ma visto che si continua a parlarne e a scriverne senza nessuna base, vorrei ripetere che il miglior giocatore del mondo l’anno scorso non sarà un nostro giocatore. A quanto vedo sarà ancora a Madrid. Ovvio che sarebbe fantastico averlo, ma questa è l’unica verità».

COSA NE PENSA IL GIOCATORE- Parole, quelle di Boban che cozzano con la volontà del calciatore che, confidandosi con alcuni amici, avrebbe dichiarato: «Se lasciassi Madrid andrei solo al Milan». Il problema è che il tempo stringe ed ogni anno che che passa è una possibilità in meno di vederlo al meglio delle sue potenzialità data l’età (33 anni) che tra un mese esatto diventerà 34. Non esagerata ma non più freschissima.