MN24 – Milan e digital strategy: la presentazione di Tonali

© foto www.imagephotoagency.it

La digital strategy rossonera si è affinata parecchio nell’ultimo periodo. Un esempio della sua efficacia è la presentazione di Sandro Tonali

Il fenomeno digitale è una realtà che difficilmente la società in cui viviamo, all’alba del 2020, può permettersi di ignorare. Specialmente se una Pandemia ancora in atto ne ha accelerato esponenzialmente gli effetti sulle nostre vite. Anche il mondo del calcio oggi deve accettare questa rivoluzione e non solo, deve anche imparare ad accoglierla e saperci camminare fianco a fianco. Social network, marketing, comunicazione digitale: è da questi aspetti che il business calcistico troverà nuova linfa e accumulerà nuove finanze.

Il Milan fa parte di quei club in Europa che sono riusciti a intercettare questo radicale cambiamento e attraverso una serie di oculate e lungimiranti scelte sta tentando di costruire le fondamenta per un roseo futuro. Per approfondire il tema in questione, la nostra redazione è entrata in contatto con Claudio Pavesi, editor-in-chief di Outpump, sito di riferimento per quanto riguarda musica, moda e sport. Di seguito vi riportiamo la questione relativa alla presentazione di Sandro Tonali:

«Quello che il Milan ha costruito, per esempio a livello sportivo, è sotto gli occhi di tutti: tanti giovani, molti milanisti: è un ingrediente vincente. Prendiamo per esempio Tonali. Il video architettato per la sua presentazione punta tutto sul suo legame viscerale con i colori rossoneri. È stato fatto un lavoro astutissimo: sono stati presi vecchi post di Tonali, con dichiarazioni d’amore nei confronti del Diavolo. Per alcuni potevano costituire un motivo di vergogna, addirittura da seppellire nell’anonimato, perché includevano anche critiche ad altre squadre. Il Milan invece ne ha capito la potenza comunicativa e li ha sfruttati a suo vantaggio. È stata costruita una campagna lancio proprio sul legame genuino che c’è tra Tonali e il Milan e ne sono state fornite le lampanti prove. A livello comunicativo è un concetto potentissimo. In un giorno solo sono stati fatti tanti post su Tonali, quasi un’esasperazione comunicativa. I video però erano fatti molto diversi e hanno toccato tutti i tasti, andando a soddisfare tutto il bacino d’utenza (dal calcio giocato allo stile Milan con gli abiti formali). Insomma, un grande lavoro».