Connettiti con noi

HANNO DETTO

Legrottaglie: «Donnarumma? I ricatti non mi piacciono»

Pubblicato

su

Legrottaglie: «Juve, hai la pancia piena. È ora di capire cosa». Le dichiarazioni dell’ex difensore bianconero

Nicola Legrottaglie è stato intervistato da Gazzetta.it in avvicinamento a Juve-Milan.

CHI PERDE FUORI DALLA CHAMPIONS – «Sì, la possibilità è concreta. Per chi perde stasera la corsa Champions può complicarsi anche perché Atalanta e Napoli sono in forma e penso che faranno un finale positivo. Chi perde oggi rischia di perdere definitivamente il treno».

CHI RISCHIA DI PIU’ – «Il Milan paga la stagione a livello psico-fisico, mentre la Juve deve stare attenta al calendario. Alla terz’ultima affronta l’Inter ed è costretta a vincere. La vedo penalizzata».

DONNARUMMA – «I ricatti non mi piacciono. Capisco che uno faccia di tutto per guadagnare di più, ma c’è un limite. E poi, se vuoi diventare una bandiera, devi agevolare il club. Se Donnarumma non scende alle cifre che vuole il Milan lo lascerei andare senza problemi».

MARCARE RONALDO O IBRAHIMOVIC – «Dico Cristiano, perché tutte le volte che ho affrontato Ibrahimovic è stato un incubo. Magari anche Ronaldo mi farebbe girare la testa, ma tenderei ad evitare sempre uno come Zlatan…».

PIRLO – «Se la Juve crede alle idee di Pirlo è giusto continuare. Roma non è stata costruita in un giorno e mi auguro che gli venga data un’altra chance. Certo, molto dipenderà dalla Champions. Se non dovesse centrarla, cambierebbe tutto».

RONALDO – «Ronaldo è una macchina da gol, ma non basta. Il risultato arriva col sacrificio di tutti e non col talento di uno solo. È ora di capire che non basta comprare i campioni per vincere».

JUVENTUS – «È mancata serenità nell’ambiente. Ho visto una squadra instabile dal punto di vista emotivo, come se credesse di aver finito un ciclo. Forse la pancia era troppo piena»

Advertisement