Inter-Milan 1-2, le pagelle rossonere del derby: Ibra star

© foto Milano 17/10/2020 - campionato di calcio serie A / Inter-Milan / foto Imago/Image Sport nella foto: esultanza gol Zlatan Ibrahimovic

Il Milan torna a vincere il derby grazie al ritorno di Ibrahimovic che torna e affossa l’Inter con una straordinaria doppietta

Milano è rossonera; il Milan vince il derby e si issa da solo in vetta alla classifica a punteggio pieno; una grande prova di carattere dei ragazzi di Pioli, dove il solo Theo Hernandez non ha dato il meglio. Le nostre pagelle di Inter-Milan:

Donnarumma 6 Prova a distendersi sul gol ma più che sfiorarla non può.

Calabria 6,5 Mette la museruola a Perisic e dà il via al gol del raddoppio; mastino durissimo da saltare sulla fascia; sul gol viene preso in mezzo in due contro uno.

Kjaer 6 Lautaro lo brucia sempre sul primo controllo nel primo tempo ma col passare dei minuti prende le misure e tappa dei buchi fondamentali nella ripresa.

Romagnoli 6 Rientra dopo tre mesi, si francobolla a Lukaku, lo anticipa all’inizio ma sul lungo andare inizia ad accusare la lunga inattività.

Theo Hernandez 5 Male nel duello con Hakimi, bruciato da Lukaku sul gol ed anche in fase di spinta pasticcia troppo.

Bennacer 7 Gran duello rusticano con Barella, ripulisce decine di palloni e sbroglia anche un paio di situazioni intricate dentro l’area.

Kessié 6,5 Pronto sempre a raddoppiare su tutti, fa sentire i suoi kg là in mezzo (dall’87’ Tonali sv).

Saelemaekers 6,5 La finta che disorienta Perisic è decisiva per il raddoppio (dal 62′ Castillejo 6 Ci mette tanta corsa, cosa che non si era vista spesso nelle ultime uscite).

Calhanoglu 7 Manda in porta Ibra per il rigore, apre per Leao sul raddoppio e manda in tilt la retroguardia nerazzurra con il suo incedere.

Rafael Leao 6 D’Ambrosio lasciato sul posto e assist al bacio per Ibra; peccato solo che si prenda delle pause inspiegabili nel corso della gara (dal 62′ Krunic 5 Si divora il gol che avrebbe chiuso la contesa).

Ibrahimovic 8 Tira il rigore sempre dalla stessa parte ma non importa; è l’anima assoluta di questa squadra.

All. Pioli 6,5 Torna Ibrahimovic e la squadra cambia passo; la profondità che dà lo svedese migliora la qualità offensiva di tutta la squadra; dietro accetta l’uno contro uno puntando a tenere i reparti i più stretti possibili.

INTER (3-5-2): Handanovic 6,5, D’Ambrosio 5, De Vrij 6, Kolarov 5; Hakimi 6,5, Vidal 6 (dall’83’ Sanchez 6), Brozovic 5,5 (dal 68′ Eriksen 5), Barella 7, Perisic 5,5; Lukaku 6,5, Lautaro 6,5. All. Conte 6.