Incontro Mirabelli-Riso a Casa Milan: tre i nomi in ballo

© foto www.imagephotoagency.it

L’incontro di Casa Milan ha palesato una conferma, un giovane talento, ma anche un nome a sorpresa tra Mirabelli e Fassone: Jankto, Salcedo e Bryan Cristante

Nel vertice tenutosi oggi negli uffici di Casa Milan tra Massimiliano Mirabelli e Beppe Riso si è parlato ovviamente di calciomercato, sono stati tre i  nomi tirati nel vortice della discussione tra il direttore sportivo rossonero e il procuratore sportivo: Eddy Salcedo (primavera 16 enne del Genoa) , Jakub Jankto e Bryan Cristante. I tre giocatori sono stati tutti selezionati da Massimiliano Mirabelli che ha effettuaggio un triplice sondaggio esplorativo al fine di comprenderne disponibilità e trattabilità di prezzo. L’uomo del mercato rossonero ha iniziato, come prevedibile dall’esterno dell’Udinese, quest’anno a rischio retrocessione, ma autore nei limiti di una stagione positiva la cui valutazione rispetto già alla scorsa stagione è però inevitabilmente colata a picco. Rintocchi di campane per le orecchie dei rossoneri che possono strappare, alla cara bottega dell’Udinese, un accordo per Jankto dalle cifre ovviamente ridimensionate per un giocatore di qualità e quantità su cui il Milan aveva puntato gli occhi già nel mercato invernale.

Il secondo nome è quello del giovane Salcedo, attaccante 16 enne del Genoa e autore di una stagione non positiva nei numeri con la Primavera del Grifone ma condita da grandi spunti di classe e rapidità che ne suscitano una eco Mediatica non indifferente ma comprensibile. Il sondaggio ha dato esito positivo al Ds rossonero che già nella scorsa sessione di mercato, come per Jankto, aveva strappato un diritto di prelazione verbale.

Il Piatto segreto e più pregiato però postosi sul tavolo di Mirabelli è stato Bryan Cristante che, nonostante una trattativa in corso con la Lazio, non ha potuto evitare di drizzare le orecchie dopo la chiamata a sorpresa del Milan. Gli ottimi rapporti con l’Atalanta, fortificatasi con il doppio affare estivo Kessié-Conti potrebbero fare gioco forza per scalfire, anche se di poco, i 30 milioni richiesti per il suo cartellino. Un colpo inatteso ma che sa di dolceamaro sul palato dei tifosi del Milan che potrebbero rischiare di rivedere in rossonero un giovane cresciuto con questa maglia addosso e venduto a 6 volte meno del suo attuale valore qualche stagione fa. Mirabelli potrebbe espiare le colpe di Galliani,  che lo vendette, sbugiardando di fatto la gestione che lo ha preceduto. Cristante può aggiungere quel quid in più al centrocampo cercando di costruire una colonna portante “giovane, carina e Atalanta” con Bonaventura, Kessié e Cristante a ricostruire il Milan dal centro.

Articolo precedente
Campionato femminile, arriva anche il Milan
Prossimo articolo
Stampa RassegnaRassegna del 18 maggio 2018