Connettiti con noi

Esclusive

Il futuro di Cutrone dipende da chi arriva al Milan: ecco i vari scenari

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Come raccolto in esclusiva da MilanNews24.com il futuro di Patrick Cutrone al Milan, giovanissimo e promettente attaccante italiano, dipenderà dall’arrivo del prossimo attaccante al Milan

Patrick Cutrone, attaccante classe ’98 proveniente dalla Primavera milanista e all’esordio in prima squadra, è una prima punta molto apprezzata da Vincenzo Montella tanto da averlo schierato nella maggior parte delle uscite pre-stagione del Milan compresa la consegna della maglia titolare nella prima gara ufficiale dei rossoneri in Europa League contro il Craiova lo scorso 27 luglio. Tuttavia il suo futuro in rossonero resta tutt’ora incerto: secondo quanto raccolto in esclusiva dalla redazione di MilanNews24.com la sua permanenza in rossonero dipenderà esclusivamente dall’arrivo del tanto agognato nuovo attaccante al Milan in questo ultimo mese di calciomercato, altrimenti per Cutrone ci sarà il prestito.

CON AUBAMEYANG, CAVANI O KEITA RESTA – Se l’attaccante che il duo Mirabelli-Fassone acquisterà per rinforzare la rosa di Montella sarà un giocatore sulla tipologia di Aubameyang, Cavani o Keita, cioè un centravanti non puro capace di spaziare sul tutto il fronte d’attacco compreso gli esterni, allora le chance che Cutrone resti in rossonero sarebbero molto alte. Il giocatore è realmente molto apprezzato da tutto l’ambiente rossonero e la sua capacità di attaccare la profondità, e al contempo, di far salire la squadra nei momenti di difficoltà restano caratteristiche fondamentali e molto apprezzate da Montella che vorrà trattenerlo a Milano anche nella prossima stagione.

CON IL CENTRAVANTI PURO CUTRONE VA VIA (in prestito) – Se il Milan dovesse concentrare le proprie forze sull’acquisto di una prima punta con le stesse caratteristiche di Cutrone (vedi Belotti, Kalinic, Ibra o Diego Costa) il futuro dell’attaccante milanista potrebbe invece essere altrove. La società rossonera vorrebbe infatti valorizzare il giocatore nella prossima stagione e, nel caso in cui il suo apporto al Milan diventasse superfluo, verrebbe con ogni probabilità ceduto in prestito in una compagine di Serie A o B.