Cutrone, non solo calcio: un’altra grande passione come fonte di stimolo

Cutrone
© foto www.imagephotoagency.it

Andiamo a scoprire che cosa appassiona Cutrone oltre al calcio, l’attaccante si racconta a pochi giorni dalla gara con il Toro

Lo abbiamo conosciuto con il pallone tra i piedi ma ora che piano piano si delineano tutte le altre sfaccettature di un carattere forte ma riservato, si scopre anche che la sfera non è l’unica passione di Patrick Cutrone, come era ovvio ipotizzare. 7 goal in 16 presenze quest’anno tra campionato e coppa, Cutrone è ormai l’idolo indiscusso del popolo rossonero, il quale vede nel ragazzo l’esempio di presente e futuro senza macchia, immacolato, forgiato dal Milan e senza pregressi in tante altre squadre di passaggio. Prima della semifinale di XFactor, il ragazzo si è espresso in merito alla trasmissione di Sky, elencando i suoi artisti preferiti, anche quelli delle precedenti edizioni: «Fare il cantante? No, il mio sogno è sempre stato fare il calciatore. La musica mi piace tanto, la ascolto sempre. X Factor me lo hanno fatto scoprire i miei amici e mi è sempre piaciuto. In questa edizione mi piace Anastasio per come scrive le canzoni, per quello che comunica e per la sua capacità di scrivere una canzone in così poco tempo. Io tifo per lui. L’anno scorso tifavo i Maneskin ma anche Nigiotti e Licitra sono bravi. Una canzone che mi piace? Believer degli Imagine Dragons ma non faccio il dj nello spogliatoio, io ho le mie cuffie e sto nel mio mentre altri mettono la loro musica negli spogliatoi».

DOMENICA GARA IMPORTANTE- 3 goal in 12 presenze in campionato fino a questo momento, certo non tutte le gare sono state giocate dal primo minuto ma è giusto ricordarlo affinchè questo possa servire da stimolo per la gara di domenica, qualora ce ne fosse bisogno. A tutti è nota ormai la preparazione mentale del ragazzo ad ogni gara, probabilmente una spanna sopra i compagni, tanta è la voglia di scendere in campo ed indirizzare le partite a favore della causa rossonera. Domenica lo aspetta il tandem con Higuain nel 4-4-2 pensato per l’occasione da Gattuso.

Articolo precedente
IbrahimovicIbrahimovic, nell’attesa meglio pensare ad un’alternativa: le proposte non mancano
Prossimo articolo
BalotelliBalotelli, il nuovo Milan prende una strada ben precisa: spiegato il motivo del No