Cutrone di nuovo titolare, a Roma chi giocherà?

Kalinic e Cutrone
© foto www.imagephotoagency.it

Nell’anticipo di questa sera contro il Verona al centro dell’attacco toccherà nuovamente a Cutrone. Il centravanti classe ’98 sembra il prediletto da Gattuso, ma per la finale di mercoledì niente è ancora deciso

Milan-Verona, anticipo della 36° giornata di Serie A, pochi dubbi di formazione per Gattuso, gli ultimi verranno risolti in queste ore. Al centro dell’attacco, tra i soliti Suso e Calhanoglu giocherà ancora una volta Patrick Cutrone. Il numero 63 rossonero, dopo vari avvicendamenti, è diventato il titolare fisso in quasi tutte le formazioni del tecnico calabrese; la sua grinta e la capacità di attaccare gli spazi coincidono con la filosofia gattusiana. Il giovane bomber ha spesso dovuto spartirsi il posto da titolare con gli altri due attaccanti in rosa, Kalinic e Andrè Silva. L’incognita più grande che sta emergendo in queste ore è appunto su chi sarà tra i tre a partire dal primo minuto nella finalissima di mercoledì sera contro la Juventus.

Il più sfavorito al momento è Andrè Silva, che troppo spesso ha deluso le aspettative con prestazioni insufficienti e pasticcione, finendo quindi in fondo alle gerarchie del tecnico rossonero. Il vero ballottaggio è dunque tra Cutrone e Kalinic. Il favorito attualmente sembra essere sempre l’ex primavera, che quest’anno è stato di gran lunga il miglior attaccante in rosa del Milan, e che quindi sembra essersi meritato questa chance. Non ci sentiamo però di escludere un possibile stravolgimento last minute, con il croato che diventi il favorito per partire dall’inizio: il numero 7 rossonero infatti, nonostante le spesso deludenti prestazioni, è l’unico attaccante di esperienza in rosa e considerando l’importanza della finale di mercoledì, potrebbe anche essere che Gattuso lo preferisca, ritenendolo di fatto più affidabile per questo tipo di partite.

Articolo precedente
Yonghong LiMilan, Yonghong Li è atterato a Malpensa
Prossimo articolo
PecchiaMilan-Verona, ecco come stanno gli scaligeri: parola di mister Pecchia