Milan-Napoli, tanto impegno ma il campionato sembra finito per entrambe

Kessié Koulibaly
© foto www.imagephotoagency.it

Milan e Napoli, squadre molli, stanche e apparentemente demotivate quando in ballo c’è ancora molto per entrambe, soprattutto per il Napoli

Che non ci si debba arrendere fino alla fine lo sappiamo come un mantra che ogni anno si ripete in questo periodo della stagione, nella migliore tradizione retorica nostrana. La realtà però dice altro e racconta di un Milan-Napoli “normale” e non da fame di vittoria con il coltello tra i denti. Il Napoli scende in campo esattamente come nelle ultime partite (Roma, Inter, Genoa, Sassuolo e Chievo) ovvero molle, prevedibile, lento ed arrembante soltanto nei minuti finali. L’ultima grande prestazione della squadra azzurra risale al 26 Febbraio, quel 5-0 al Cagliari prima della sconfitta per 4-2 contro il giallorossi. La Roma apre di fatto una crisi di gioco più che di risultati, l’involuzione è netta, il primo posto sfuma e addio sogni di gloria. Mercoledì c’è l’Udinese, se la Juventus non dovesse fare punti a Crotone si riaprirebbe tutto in occasione dello scontro diretto di Torino del 22 Aprile. Per quanto riguarda il Milan parliamo anche qui di un’involuzione sul piano del gioco riconducibile molto probabilmente alla distanza dal quarto posto, sempre troppo elevata per riuscire a trovare nuovi stimoli. Il lavoro fatto da Gattuso fino ad ora è straordinario ma rischia di diventare solo una parentesi in mezzo al nulla. Parte male, cresce ed esplode, cala ed arriva solo in Europa League. Una parabola ascendente e discendente che alla fine dei conti potrebbe non bastare.

Ora c’è il Torino e come detto sopra, finchè ci sono punti in palio bisogna sempre credere all’impossibile ma certamente bisognerà lavorare sulla tenuta atletica e sulle scelte di campo, ancora una volta Kalinic dal primo minuto, ancora una volta nessun goal. Un’ostinazione che a fine stagione chiederà il conto. Non perchè Kalinic sia un capro espiatorio ma perchè tante e tante volte il croato è partito dal primo minuto senza goal e al novantesimo senza goal è rimasto.

Articolo precedente
DonnarummaDonnarumma, cento da record ma sul suo futuro è lui stesso a farne mistero
Prossimo articolo
Torino-Milan, all’andata fu l’ultima di Montella: cosa è cambiato da quell’anonimo 0-0