Milan, Mirabelli conferma Gattuso

Gattuso Mirabelli
© foto Twitter @AcMilan

La deludente stagione che sta per concludersi in casa Milan ha parecchi responsabili. Tra questi, nell’ultimo periodo, è spuntato spesso il nome di Gattuso, sul quale è filtrato qualche dubbio in merito alla conferma per il prossimo anno. Mirabelli però ha smentito ogni ipotesi maliziosa

La stagione del Milan fino ad oggi è stata complessivamente deludente: addio alla Champions anticipato, sconfitta pesante in finale di Coppa Italia e mancato raggiungimento della matematica qualificazione ai gironi di Europa League hanno reso quest’annata una delusione rispetto alle aspettative estive. Nel corso dei mesi sono sempre stati individuati responsabili diversi; il primo individuato, che poi ci ha lasciato le penne, è stato Montella, incapace di amalgamare il gruppo di nuovi giocatori e dare una forte identità alla squadra. La scelta del suo esonero sembrava azzeccata, dal momento che dopo di lui, il suo successore Gattuso, tolto un inizio tortuoso, si è reso protagonista della rimonta rossonera in classifica, avvicinandosi considerevolmente alle zone alte di classifica. Poi il nuovo calo, e la conseguente ricerca di nuovi responsabili: Fassone e Mirabelli al centro delle critiche dei tifosi rossoneri, ma non solo.

Nelle ultime settimane infatti è stata avanzata l’ipotesi di un possibile esonero a fine stagione per Gattuso, ritenuto per certi versi uno dei responsabili del nuovo periodo buio del Diavolo. A soffocare immediatamente queste voci ci ha pensato il direttore sportivo Mirabelli, che ieri sera, alla serata organizzata per il Premio Gentleman,  come riporta Tuttosport, ha dichiarato ai microfoni: «Se Gattuso resta? Gli abbiamo fatto un contratto di tre anni, mica siamo la Longobarda». Parole decise quelle del dirigente calabrese, che calano quindi il sipario sui maliziosi rumors che volevano allontanare il Milan da Ringhio.

Articolo precedente
Nuovo Mondiale per Club, c’è anche il Milan: in arrivo una pioggia di soldi
Prossimo articolo
Calhanoglu BonucciMilan, la tua BBC: ecco i tre giocatori da cui ripartire