Milan, le ultime dall’infermeria: la situazione di Higuain

Higuain Milanello
© foto Instagram @Ghiguain20_9

A Milanello torna il sorriso per le condizioni di Gonzalo Higuain, il Pipita ha recuperato dal problema alla schiena e contro il Toro ci sarà

Torna il sereno su Milanello dopo i problemi disciplinari e fisici che hanno contraddistinto le ultime settimane di Gonzalo Higuain, il centravanti argentino oggi si è allenato regolarmente con la squadra e ha messo in mostra una condizione fisica invidiabile che evidenzia come il problema alla schiena sia ormai un ricordo. Sarà dunque il Pipita l’uomo scelto da Gattuso dal primo minuto per affiancare Patrick Cutrone nel 4-4-2 che scenderà in campo domenica contro il Torino. Bene anche Bakayoko, anche lui acciaccato al termine del doppio impegno ravvicinato della scorsa settimana. Il centrocampista francese farà coppia con Kessié nella parte nevralgica del campo con Calhanoglu e Suso sugli esterni. In difesa possibile conferma di Ignazio Abate nel ruolo di centrale al fianco di Cristian Zapata mentre terzini giocheranno Davide Calabria (anche lui totalmente recuperato) a destra e Ricardo Rodriguez sulla sinistra.

Qualche dubbio di formazione in più invece per il tecnico del Torino Walter Mazzarri che dopo l’esperimento fallito di Zaza al fianco di Belotti contro il Genoa tornerà nuovamente al 3-5-2 con il Gallo e Iago Falque coppia d’attacco, lasciando l’ex attaccante di Juventus e Valencia in panchina. Al suo posto ritroverà una maglia da titolare a centrocampo Baselli, che affiancherà Meité e Rincón. Sugli esterni confermati De Silvestri e Ansaldi. Davanti a Sirigu invece pochi dubbi: la linea da tre sarà composta da Izzo, N’Kolou e Djidji.

MILAN (4-4-2): Donnarumma; Calabria, Abate, Zapata, R.Rodriguez; Suso, Kessie, Bakayoko, Calhanoglu; Cutrone, Higuain. All. Gattuso

TORINO (3-5-2): Sirigu; Izzo, N’Kolou, Djidji; De Silvestri, Baselli, Rincón, Meité, Ansaldi; Belotti, Iago Falque. All. Mazzarri

Articolo precedente
Gattuso JuventusLa Samsung smentisce l’interesse nel Milan: troppo forte l’ingerenza della Juve?
Prossimo articolo
san siroPer il quarto posto serve San Siro strapieno: Milan-Torino a prezzi popolari