Milan, da Plizzari a Maldini Jr: ecco i gioiellini convocati da Giampaolo

© foto www.imagephotoagency.it

Al raduno del Milan di Giampaolo di ieri erano presenti ben 8 giovani talenti: scopriamo insieme di chi si tratta

La giornata di ieri ha dato ufficialmente avvio alla nuova stagione del Milan: ancora una volta si riparte da zero. Nuova dirigenza, nuovo progetto e nuovo allenatore. Sarà un Diavolo che punterà molto sui giovani, talenti di prospettiva che possano crescere insieme al club e in futuro regalare anche importanti plusvalenze alle casse di via Aldo Rossi. In tal senso sintomatica è la scelta di Giampaolo di convocare al ritiro ben 8 giovanissimi giocatori, provenienti dalla Primavera. Stiamo parlando di Plizzari, Djalo, Gabbia, Brescianini, Capanni, Capone, Mionic, Sala e Maldini. L’ex tecnico della Sampdoria li valuterà nei prossimi giorni, per capire quanti e quali potranno eventualmente essere stabilmente aggregati alla prima squadra.

Ma vediamo meglio chi sono. Plizzari lo conosciamo già tutti e si racconta già da solo: è uno dei talenti più promettenti di Milanello. Il portiere, classe 2000, ha sempre un po’ vissuto nell’ombra di Gigio Donnarumma, ma in estate, grazie al Mondiale U20 si è definitivamente messo in luce, dimostrando di essere pronto già per i grandi palcoscenici. Vedremo se riuscirà quest’anno a trovare spazio. Thiago Djalo è un difensore, classe 2000, prelevato lo scorso anno dallo Sporting Clube de Portugal: Fisico imponente, buona tecnica. Valutato come uno dei talenti più cristallini non solo del calcio portoghese, ma dell’intero panorama giovanile europeo. Gli ultimi mesi con la Primavera sono stati complicati, ma le prospettive per il suo futuro restano rosee.

Un altro difensore è Matteo Gabbia, di ritorno dal prestito dalla Lucchese e pronto per dimostrare a Giampaolo di poter rappresentare un’affidabile alternativa. Guai a perdere di vista anche Brescianini, Capanni, Sala e Mionic: tutti baby talenti pronti e motivati a sorprendere Giampaolo. Il fiore all’occhiello del giocatori di movimento è però sicuramente Daniel Maldini: il figlio dell’attuale direttore tecnico rossonero ha dimostrato tutto il suo talento nell’ultima stagione con la Primavera. Tanti gol, grande tecnica e un’ottima balistica, specialmente nei calci da fermo. Diversi club di Serie B sono interessati e un’esperienza in prestito potrebbe essere la giusta ricetta per il giovanissimo attaccante. Il Milan punta molto su di lui per il futuro.