Genoa-Milan, Gattuso: «Quando si perde deve bruciare, ripartire dall’Arsenal»

Gattuso conferenza
© foto Screen diretta Facebook Ac Milan

Gennaro Gattuso ha parlato in conferenza stampa, domani si gioca a Marassi con il Genoa, un altro match fondamentale per continuare la rincorsa Champions

Il Genoa per reagire subito alla sconfitta con l’Arsenal, Gennaro Gattuso non si nasconde ed ammette errori che tuttavia non dovranno essere ripetuti. Il tecnico rossonero conosce bene l’avversario e le difficoltà nel tornare subito in campo dopo una sconfitta così pesante.

GENOA:  «E’ una squadra che va a cercare la profondità con Galabinov, è una formazione che sa cosa vuole proporre. Domani dobbiamo battagliare, sono sempre aggressivi, capaci di intercettare e ripartire. Sarà una gara difficile perchè a centrocampo avremo le stesse problematiche avute con l’Arsenal. In fase di sviluppo si può fare meglio, bisogna essere più cattivi e fare male. E’ un aspetto da migliorare. Genova è un campo difficile per il Milan, con Ballardini la squadra sta facendo grandi risultati».

METODO DI LAVORO: «Mi piace lavorare ad alta intensità, ma abbiamo nel nostro dna la predisposizione alla tattica, loro invece hanno nel dna l’aggressività e l’allenamento a 100 all’ora».

SU CALABRIA: «Vediamo, siamo molto contenti di Davide. Difficilmente ha giocato 3 gare di fila ed ora ci sta riuscendo, per lui è stata una gara molto dispendiosa. E’ un ragazzo che sul piano fisico e mentale sta migliorando tantissimo».

TESTA E CORAGGIO: «Non basta solo il coraggio. Ci sono dei parametri da rispettare, perchè lo stadio ti spinge e c’è entusiasmo ma bisogna affrontare l’avversario con intelligenza. I giocatori del campionato inglese hanno un modo diverso di approcciare alla gara, giocare in Europa e in Italia è diverso».

SU ASTORI: «E’ stato un qualcosa che ci è dispiaciuto, abbiamo perso un amico e un grande uomo ma non deve essere una scusa per come è andata la partita con l’Arsenal. Qualcosa di anomalo è successo sicuramente anche da noi a Milanello, però non deve essere una giustificazione».

KO CON L’ARSENAL: «Mi è piaciuta l’atmosfera che si è creata in questi giorni, ho visto i ragazzi delusi e arrabbiati, c’è voglia in allenamento. Quando si perde deve bruciare, abbiamo analizzato la partita e nel primo tempo con l’Arsenal non abbiamo mai giocato come negli ultimi 2 mesi. Nel secondo tempo l’Arsenal ha abbassato i ritmi, noi abbiamo palleggiato bene. Il primo tempo l’abbiamo sbagliato e il primo responsabile sono io».

 

Articolo precedente
GattusoGenoa-Milan, i 23 convocati di Gattuso: si rivedono Musacchio ed Antonelli
Prossimo articolo
Frank TsadjoutPrimavera, Milan-Lazio 2-1: decidono le reti di Forte e Tsadjout