Sembra Davide contro Golia, ma due rossoneri (insospettabili) possono far male alla Juve

© foto www.imagephotoagency.it

Due insospettabili possono fare male alla Juventus. La loro posizione tattica fa preoccupare Massimiliano Allegri per domani sera

Sulla carta è una sfida senza storie: da una parte la Juventus pluricampione d’Italia con un tridente formato da Dybala, Cristiano Ronaldo e Mandzukic e una panchina stellare, dall’altra una squadra con i cerotti che sta cercando di risalire la china con difficoltà. Ma questa disparità di valori non ha di certo impedito ai rossoneri di Vincenzo Montella di sollevare la Supercoppa Italiana a Doha. Non ha nemmeno impedito a Manuel Locatelli di esultare davanti a Massimiliano Allegri in una sfida in cui tutti davano il Milan per spacciato. Si potrà anche perdere 3 a 0, ma bisognerà fare una partita dignitosa. E poi chissà.

INFORTUNATI – Sicuramente i ragazzi di Gattuso non arrivano al big match nelle migliori condizioni. Le assenze di Biglia, Bonaventura e Musacchio, sommate a quelle di Conti e Caldara, sono una mazzata tecnica e psicologia per il gruppo che già soffre di complessi di inferiorità. L’importante sarà non ripetere la prestazione del derby: squadra impaurita chiusa in difesa, poco pressing e remi in barca a mezz’ora dal termine. Per questo motivo sarà compito di Ringhio, al di là del risultato finale, impostare un match che valorizzi al massimo il mediocre contenuto tecnico del Milan.

DUE ARMI – Allegri ingabbierà Gonzalo Higuain (con il sangue agli occhi per vendicarsi della Juve) tra Chiellini e Bonucci, poi terrà lontano Suso dall’area di rigore. A Doha lo spagnolo aveva fatto ballare Evra, domani sera il tecnico juventino lo farà raddoppiare per tagliare i rifornimenti al Pipita. Allora, cosa fare? In realtà molte volte si rivelano decisivi giocatori su cui nessuno avrebbe scommesso un euro. Diego Laxalt, ad esempio, potrà fare molto male alla difesa bianconera. Cancelo non è di certo un drago in fase difensiva e spesso si spinge troppo in vanti lasciando scoperta la corsia di destra. Inoltre, l’uruguayano di Gattuso potrà tagliare il campo inserendosi tra le linee di centrocampo e difesa della Juventus. Ai tempi del Bologna il giocatore giocava proprio da esterno d’attacco con buoni risultati.

Il secondo silenzioso giustiziere potrebbe essere Samu Castillejo. Difficile per Allegri studiare una soluzione in marcatura: non è ancora chiaro se lo spagnolo giocherà da seconda punta o da esterno o da trequartista. Se poi Cristiano Ronaldo salterà Zapata come un birillo e farà una tripletta ce ne faremo una ragione. Ma i rossoneri dovranno dare il cento per cento. Lo scorso anno abbiamo avuto occasione di ammirare le disattenzioni di Bonucci in maglia rossonera. Chissà che non ricapiti anche domani.

Articolo precedente
Convocati Milan, Gattuso recupera tre giocatori
Prossimo articolo
bonucciBonucci, bordata di fischi in arrivo da San Siro