Bologna-Milan, quale sarà il destino dei rossoneri?

Milan
© foto www.imagephotoagency.it

Il match di oggi pomeriggio al Dall’Ara sarà fondamentale per capire le sorti del Milan in questa stagione e di conseguenza nella prossima. Molteplici gli scenari che possono aprirsi al termine dei 90 minuti

Alle 15:00 di oggi pomeriggio ci sarà il fischio d’inizio di Bologna-Milan, 35° giornata di campionato, partita fondamentale per la compagine di Gennaro Gattuso. Tutt’altro che scontato è l’esito del match; proprio ieri in conferenza stampa Roberto Donadoni ha espresso tutti i suoi intenti per raggiungere la vittoria, unico risultato ammissibile a detta dell’ex tecnico della nazionale. All’andata il Milan ebbe la meglio, spuntandola per 2-1, grazie ad una doppietta di Jack Bonaventura. L’anno scorso ricordiamo tutti con piacere l’impresa quasi storica dei rossoneri che, in casa del Bologna, portarono a casa una vittoria per 0-1 in 9 contro 11. Il Dall’Ara è comunque un campo al Milan ostile: 25 le vittorie dei rossoblù contro le 24 del Diavolo.

Saranno 90 minuti cruciali per il destino rossonero quelli di oggi pomeriggio, 90 minuti che avranno grande voce in capitolo per capire il tipo di stagione che dovranno aspettarsi i tifosi. Gli scenari sono molteplici, e la sensazione, anzi, l’unico dato certo, è che il Milan possa permettersi solo i 3 punti per continuare ad alimentare le speranze di un posto in Europa. La concorrenza dietro è agguerrita come non mai e ogni tipo di passo falso può essere fatale per il club di via Aldo Rossi. A testimoniare ciò vi sono le ultime dichiarazioni di Simeone lasciate in conferenza stampa: «Abbiamo solo tre punti di ritardo. Potremmo battere il Milan a San Siro e magari conquistare un posto in Europa. Io ci credo. Dobbiamo crederci». Per la corsa Europa League sarà quindi una gara a chi sbaglierà meno, il Milan al Dall’Ara non può permettersi scivoloni.

Articolo precedente
Silva Cutrone BonucciBologna-Milan in streaming LIVE e diretta tv: ecco come vederla
Prossimo articolo
DepayMilan, prendi Depay: l’olandese con le valige pronte ancora in gol