Connettiti con noi

HANNO DETTO

Ambrosini: «Milan-Juve? Difficile da decifrare, i rossoneri giocano meglio»

Pubblicato

su

Massimo Ambrosini presenta il match tra Milan e Juventus ai microfoni dei canali ufficiali rossoneri. Le sue parole

Giornata di vigilia di Milan-Juventus. Ai microfoni di MilanTV l’ex rossonero Massimo Ambrosini ha presentato così il match di San Siro.

I SUOI MILAN-JUVE – «La rivalità era forte, quando si andava a giocar da loro, al vecchio Delle Alpi. Eravamo amici, ci conoscevamo, ma quando di giocava contro la voglia era grossa

GARA DI DOMANI – «È difficile da decifrare dal punto di vista emotivo»

JUVENTUS – «La prestazione di Dybala, visto il momento, può condizionare molto. È il giocatore più forte della Juve e quindi condiziona la prestazione della squadra, in questo momento ha qualcosa da voler far vedere, ha una spinta in più»

MILAN – «Indubbiamente gioca meglio della Juve, lo ha dimostrato. Ha un collettivo superiore in termini di impianto di gioco. Deve essere in grado di tramutare la rabbia un orgoglio, prestazione e gioco. Il Milan ha sempre giocato bene, raramente non l’ha fatto, e quando è riuscito a limitare alcune disattenzioni ha fatto subire costantemente il proprio gioco agli altri. Immagino che sia così, come tipo di impostazione, la partita di domenica»

PIOLI – «Mi sarebbe piaciuto farmi allenare da lui, perché rappresenta la modernità dell’allenatore di oggi. I tecnici di un tempo erano diversi, il calcio era concepito in maniera differente quando c’ero io. Mi sarebbe piaciuto vedere come faceva muovere i giocatori in campo, quindi sì: mi sarei fatto allenare molto volentieri da Pioli»