15 settembre 1966: nasce Dejan Savicevic, il “genio” che umiliò Cruijff

Il 15 settembre 1966 nasce Dejan Savicevic: il “genio” che inventò il gol più bello nella storia delle finali di Coppa dei Campioni

Genio e sregolatezza anche se era soprannominato solo il “Genio”, pochi giocatori hanno rappresentato questo binomio alla perfezione come Dejan Savicevic nato il 15 settembre 1966 a Titograd.

Classe straordinaria, abilissimo nel dribbling, agile, veloce e in grado di inventarsi giocate di enorme fantasia e assoluta imprevedibilità. Savicevic ha giocato come interno, trequartista, regista e mezzapunta fino al suo sbarco al Milan: «Alla Stella Rossa giocavo dietro le due punte, mentre qui al Milan affianco Simone. Diciamo che sono una punta non vera ma mi sono abituato dopo due anni».

Unico suo neo la discontinuità nel rendimento che non gli ha però impedito di scrivere pagine importanti nelle squadre in cui ha militato a partire dalla Stella Rossa dove gioca dal 1988 al 1992 vincendo 3 campionati yugoslavi, una coppa nazionale, una Coppa dei Campioni e una coppa intercontinentale.

Poi nel Milan dove arriva nel 1992 rimanendovi 6 stagioni e conquistandovi 3 campionati, 3 supercoppe italiane, una supercoppa europea e soprattutto la Champions League del 1994 vinta da protagonista con una super-rete in finale contro il Barcellona.