Sconcerti: «Un gol nel recupero il Milan qualche settimana fa non l’avrebbe segnato»

Mario Sconcerti
© foto www.imagephotoagency.it

Mario Sconcerti ha analizzato la situazione riguardante il Milan, rivelando i segnali concreti della rinascita rossonera

Mario Sconcerti, intervenuto con un editoriale sulle pagine del Corriere della Sera, ha commentato la rinascita del Milan, analizzandone i tratti principali e i protagonisti responsabili. Questo il suo ragionamento:

«Sta tornando il Milan. Pioli l’ha profondamente cambiato, sono fuori i giocatori di più qualità (Suso e Paquetà), si è alzato il ritmo ed è forse cambiato il vento. Un gol nel recupero qualche settimana fa non sarebbe stato segnato. Pioli non è un eroe ma un ottimo gestore di viaggi. Non dà mai il panico, affronta le situazioni senza travolgerle né farsi travolgere. La scelta di Rebic gli vale oggi una classifica che assomiglia all’Europa. Può arrivare sesto. Per qualcosa di più mi sembra manchi la struttura. È il Milan il confine tra il campionato dei primi e quello di tutti gli altri».