Milan, c’è un nome nuovo per l’attacco: uno che Montella conosce bene

© foto @youtube Sevilla FC

Spunta un nome nuovo per l’attacco rossonero, Montella lo conosce bene e proprio il tecnico del Siviglia potrebbe essere la chiave di svolta nella trattativa

L’ obbiettivo rossonero per la prossima stagione è ormai chiaro: rinforzare l’anello debole ovvero l’attacco, unica vera incertezza di una stagione tra le peggiori in fase realizzativa. I tre attaccanti rossoneri vivono condizioni diverse, Cutrone, forte delle 15 reti stagionali si avvicina al tanto atteso rinnovo contrattuale, discorso diverso per Andrè Silva ma anche lui sostenuto dalla società, sul mercato invece Kalinic, indefinibile la sua stagione fino a questo momento. Il Milan dunque, come risaputo, starebbe cercando un nuovo bomber, i primi due nomi sulla lista sono Dzeko e Belotti, entrambi difficilmente raggiungibili. Secondo quanto riportato da Tuttosport, potrebbe riaprirsi la pista che porterebbe a Luis Muriel del Siviglia.
Il club spagnolo ha acquistato l’attaccante colombiano la scorsa estate per 20 milioni più bonus dalla Sampdoria. Muriel ha faticato a imporsi nella prima metà di stagione, poi il suo rendimento è migliorato con l’arrivo in panchina di Montella. Tuttavia i goal sono arrivati si ma molto di rado, 9 le reti segnate fino ad ora, 7 nella Liga (di cui 6 nelle 16 gare in cui è stato impiegato da titolare). Il colombiano non è un vero bomber, ma sa giocare da prima e seconda punta e ha qualità tecniche molto buone (già viste con la Sampdoria)che in virtù dei suoi 27 anni può ancora far esplodere completamente.

Per quanto riguarda l’aspetto economico non dovrebbe essere difficile acquistare il giocatore al giusto prezzo di mercato ma ad una condizione: se Montella dovesse essere sollevato dal suo incarico, il colombiano potrebbe decidere di tornare in Italia, il Milan a quel punto sarebbe la destinazione più gradita.

Articolo precedente
Romagnoli infortunioInfortunati, gli ultimi aggiornamenti su Romagnoli e Biglia
Prossimo articolo
Bologna-Milan, probabili formazioni: rossoneri obbligati a difendere quel settimo posto